“Non sei il benvenuto”. Lo striscione, affisso dalla finestra di un palazzo a Brembate Sotto, in provincia di Bergamo, dove questa mattina Matteo Salvini ha partecipato a un incontro elettorale, è stato rimosso dai Vigili del fuoco. “Chi ha dato l’ordine di intervenire? A che titolo?” ha domandato su Twitter il sindaco della Città dei mille, Giorgio Gori, che ha anche pubblicato la foto con lo striscione e l’intervento con la gru dei pompieri.

“Non ne so niente, basta che non ci siano problemi di ordine pubblico, che non si metta in pericolo la sicurezza dei cittadini o delle forze dell’ordine, poi ognuno scriva quello che vuole” è stato il commento del leader della Lega, che ha aggiunto: “Se gli striscioni comportano problemi per l’ordine pubblico vanno tolti“.

La settimana scorsa, a Salerno, si era verificato un episodio simile. In quel caso erano intervenuti alcuni agenti della digos. Vale la pena ricordare che esiste la normativa che regola la propaganda elettorale e che recita: “l’affissione di stampati, giornali murali o altri e manifesti, inerenti direttamente o indirettamente alla campagna elettorale, o comunque diretti a determinare la scelta elettorale, da parte di chiunque non partecipi alla competizione elettorale ai sensi del comma precedente, è consentita soltanto in appositi spazi, di numero eguale a quelli riservati ai partiti o gruppi politici o candidati che partecipino alla competizione elettorale”.

Video Facebook/Gianluca Nervi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Che tempo che fa, Salvini: “Fazio? Lo vorrei in onda anche a Natale. Più mi attacca più gli italiani votano Lega”

prev
Articolo Successivo

Di Maio: “Rapporti con la Lega non peggiorano, ma non stiamo zitti su derive come l’autonomia”

next