Hanno un nome e un cognome, secondo la Procura generale di Brescia che ha chiuso le indagini, gli assassini di Mario Bozzoli, l’imprenditore di Marcheno svanito nel nulla nell’ottobre 2015 nella fonderia di cui era proprietario con il fratello. Il procuratore generale Pier Luigi Maria Dell’Osso ha firmato la chiusura indagini con l’accusa di omicidio per Alex e Giacomo Bozzoli, nipoti dell’imprenditore scomparso, e per favoreggiamento nei confronti degli operai Oscar Maggi e del senegalese Abu. La Procura generale di Brescia un anno fa aveva avocato l’inchiesta.

Bozzoli, 50 anni, era stato visto l’ultima volta l’8 ottobre 2015 all’interno della sua fonderia di Marcheno, paese dell’alta Valtrompia, che gestiva con il fratello Adelio e dove lavorano i suoi due nipoti, figli dello stesso fratello. Aveva telefonato alla moglie, aveva detto ai dipendenti di voler fare una doccia prima di tornare a casa, ma nello spogliatoio della fonderia, dove sono stati ritrovati gli abiti, l’uomo non era mai arrivato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Creata un’app per smartphone che “sente” la presenza di un’infezione all’orecchio

prev
Articolo Successivo

Padova, l’autista ubriaco dello scuolabus ribaltato aveva precedenti per guida in stato di ebbrezza

next