L’ondata di maltempo imperversa sull’Italia, con temporali, neve in quota, grandine e raffiche di vento. L’Emilia-Romagna è la regione più colpita: è sott’acqua e in allerta rossa, fino a tutta la giornata di martedì, per il transito della piena dei fiumi. Le situazioni più critiche nel Modenese, con ponti chiusi e case sgomberate, per la piena del Secchia, e nel Cesenate dove per l’esondazione del Savio è stato chiuso in via precauzionale un ponte ferroviario che ha causato l’interruzione dei treni tra Faenza e Cesena sulla linea Bologna-Rimini per quasi 12 ore. Nel Forlivese ha ceduto un argine del fiume Montone. Pioggia e vento nelle Marche con tratti chiusi di una statale. Allerta gialla in Toscana con disagi in aeroporto e danni alle colture per la grandine in Puglia

In Emilia-Romagna, in particolare nelle pianure emiliane e sulla Romagna, l’allerta meteo è stata elevata a rossa, fino a tutta la giornata di martedì, proprio per il transito delle piene. Sorvegliati speciali Secchia, Panaro, gli affluenti del Reno e i corsi d’acqua romagnoli. Sulla costa attese raffiche di bora fino a 90 chilometri orari. In campo a Modena anche l’esercito e in tutta la regione dalla notte scorsa sono al lavoro circa 200 volontari oltre a vigili del fuoco, forze dell’ordine, Protezione civile e Aipo. L’allerta dunque sarà massima per tutta la notte e anche domani. “Il peggio – sottolinea Maurizio Mainetti, direttore dell’Agenzia di protezione civile dell’Emilia-Romagna – non è passato”.

Si sono registrati alcuni sgomberi di abitazioni nel Modenese, nell’Imolese e nel Cesenate – con un’anziana tratta in salvo con la badante – ma non ci sono feriti. Nella Valsamoggia (Bologna) frane e smottamenti hanno provocato alcune interruzioni su strade provinciali e comunali. In Romagna a causa dei livelli dei fiumi, Ronco e Savio in particolare, tra Faenza e Cesena la circolazione ferroviaria è stata interrotta dalla mattina fino al tardo pomeriggio sulla linea Bologna-Rimini. I treni sono stati deviati via Ravenna e alcune tratte regionali sono state coperte con bus sostitutivi. Si sono registrati ritardi anche fino a tre ore. 

A Cesena, dove martedì le scuole rimarranno chiuse così come a Ravenna, la piena del Savio ha causato allagamenti e l’interruzione della viabilità della Secante. In provincia di Forlì-Cesena alcune famiglie sono rimaste isolate. È ritenuta una delle situazioni più difficili quella legata al fiume Montone che ha rotto un argine nei pressi ponte sull’A14. La Protezione civile è al lavoro per evitare che l’acqua raggiunga il paese di Villafranca, 3mila abitanti. Nel Riminese, a Ponte Verucchio, ha ceduto la briglia sul Marecchia del Consorzio di bonifica Romagna. A Ravenna la piena del Senio va verso il record storico di 15 metri a Cotignola. Nel Parmense e nel Reggiano qualche frana ma nessuna criticità grave. 

Pioggia e vento anche nelle Marche, dove sono stati chiusi alcuni tratti della Statale 744. Superata la soglia d’allarme del fiume Esino a monte di Jesi. Allerta gialla in Toscana per pioggia, vento e mareggiate. Per le forti raffiche ci sono stati disagi all’aeroporto di Firenze con voli cancellati o dirottati. In Puglia per Coldiretti sono “incalcolabili” i danni prodotti nelle campagne dall’intensa grandinata che domenica ha colpito soprattutto le province di Taranto e Bari. A Taranto segnalata “una vera e propria devastazione”. In diverse città, tra cui Bologna, L’Aquila, Chieti, Prato, i sindaci hanno prorogato l’accensione degli impianti di riscaldamento.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Forza Nuova, striscione contro Papa Francesco: “Bergoglio come Badoglio”. Altri attacchi a Mimmo Lucano e giudici

next
Articolo Successivo

Settimo Torinese, tensioni al comizio di Salvini. Una madre: “Mio figlio malmenato e portato via con la forza dalla polizia”

next