Sono oltre 500mila le penne nere arrivate a Milano per la 92maAdunata del Centenario, conclusasi con la siflata per le vie del centro. Milano in festa ha accolto il corteo tra ali di folla e applausi. Da Porta Venezia, punto di ritrovo delle decine di migliaia di radunisti, al Castello. Le Penne nere hanno sfilato con alla testa lo striscione ‘100 anni coraggio impegno’ seguiti da un reggimento in armi e da tutte le sezioni, italiane ed estere e dalla Protezione Civile. La prima regione a sfilare è stata la Sicilia, l’ultima quella ospitante, la Lombardia, con gli Alpini di Milano. Ha chiuso l’evento l’ammainabandiera e il tradizionale passaggio della ‘stecca’ alla città del prossimo raduno, Rimini. “Gli Alpini sono il simbolo dell’Italia che si è riunita, che ha affrontato due guerre, ne è uscita, e si è ricomposta. Continuano a essere un simbolo molto importante del nostro Paese”, ha detto il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, a margine dell’evento

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Medjugorje, il Papa dà il via libera ai pellegrinaggi. “Ma la Chiesa deve ancora esprimersi sulle apparizioni”

next
Articolo Successivo

Migranti, sbarco a Crotone: una sessantina di persone soccorse dalla Guardia costiera italiana

next