E’ stata incendiata nella notte l’auto di un delegato sindacale dell’azienda Italpizza iscritto al Si Cobas. L’azienda, che ha sede nella frazione di Modena di San Donnino, da mesi è oggetto di una vertenza molto dura, con proteste, scioperi e presidi davanti ai cancelli. Questi ultimi organizzati in particolare proprio dalla sigla autonoma del Si Cobas, che da tempo rivendica diritti, adeguamenti contrattuali e migliori condizioni di lavoro all’interno dello stabilimento. Il rogo, di origine dolosa, ha distrutto l’auto del sindacalista che era parcheggiata davanti casa. L’uomo, un lavoratore di origine straniera, è stato svegliato dal rumore e dalla luce delle fiamme e ha poi filmato l’incendio con il proprio telefono. Sull’accaduto indagano ora i carabinieri. “Non è la prima volta che il nostro sindacato subisce attacchi di questo tipo – si legge in una nota stampa diffusa dal Si Cobas –  un mese fa la macchina di un nostro coordinatore di Bologna è stata bruciata sotto casa, mentre a maggio  ci avevano puntato una pistola davanti ai cancelli della ceramica Opera. L’elenco delle minacce e delle intimidazioni sarebbe troppo lungo da fare, ma non sono mai servite a nulla, se non a rafforzare la determinazione della lotta”.

Intanto il sottosegretario al ministero del Lavoro, Claudio Cominardi, ha fissato per mercoledì 15 maggio un tavolo di confronto a Roma. All’incontro, che si terrà nella sede del ministero guidato da Luigi Di Maio, sono stati convocati tutti i protagonisti della vertenza: oltre a Italpizza, ci saranno le cooperative Evologica e Cofamo, Confindustria, i rappresentanti del Si Cobas, di Cgil, Cisl e Uil di Modena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europee, da Trenitalia ad Alitalia: sconti agli elettori fuori sede su treni, aerei e autostrade

prev
Articolo Successivo

Yara Gambirasio, Massimo Bossetti trasferito a Bollate. Aveva chiesto lo spostamento per poter lavorare

next