Esteticamente non c’è alcuna differenza tra le AirPods di prima e quelle di seconda generazione. Il design è rimasto immutato, anche per quanto riguarda la custodia. Tutto è realizzato in policarbonato lucido, un materiale che restituisce una sensazione di robustezza e risulta piacevole al tatto. L’unica colorazione disponibile è quella bianca.

La cura del dettaglio è alta: la calamita che tiene ancorate le AirPods 2 all’interno della custodia è estremamente salda, così come il meccanismo di chiusa dello sportellino della custodia stessa. Sul retro c’è il pulsante fisico che serve per l’accoppiamento via Bluetooth con i vari dispositivi e per il reset delle cuffiette: a seconda di quanto tempo viene premuto, si attivano le diverse funzionalità.

L’indossabilità è un elemento estremamente soggettivo, l’unico modo per capire se vi risultano comode è provarle. Durante i test ci sono stati colleghi che le hanno indossate per tutto il giorno con il massimo comfort, altri che non hanno fornito un feedback positivo. Il fatto che molti le indossino anche per fare sport è comunque una dimostrazione che il design sia in grado di adattarsi alle esigenze di un largo numero di utenti.

Un dato obiettivo è invece la mancanza di una qualsivoglia certificazione di resistenza ai liquidi, e questo rappresenta un neo per auricolari costosi pensati per utilizzi prolungati. È vero che il sudore non crea grattacapi, così com’è difficile incorrere in problemi indossandole sotto la pioggia. Nel caso però di malfunzionamenti, la garanzia non coprirà i danni.

Fuori di discussione è la comodità nel trasporto. La custodia ha dimensioni ridotte e si può riporre in qualsiasi tasca. Apple ha evidentemente compreso che la portabilità è un aspetto chiave per degli auricolari true wireless, al contrario di alcuni concorrenti che continuano a progettare custodie ingombranti.

INDIETRO

Cuffie Apple AirPods 2, integrazione software e autonomia di alto livello si fanno pagare

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli smartphone pieghevoli saranno prodotti di nicchia fino al 2023, richiedono troppi compromessi

next
Articolo Successivo

Lenovo arricchisce i notebook ThinkPad, nuovi modelli ultrasottili con processori AMD

next