di Fabio Anselmo e Ilaria Cucchi

Non debbono essere solo uno slogan. Non debbono essere un paravento per perseguire fini diversi, di potere. Non debbono rimanere parole vuote di contenuti, al vento. Debbono rimanere valori sui quali non ammettere compromesso alcuno.

Giustizia. Non ci sarà futuro per noi e per i nostri figli senza una giustizia vera, indipendente ma non arbitraria. Una giustizia di fronte alla quale tutti possano essere veramente uguali e con gli stessi diritti e la stessa dignità di esseri umani. Una giustizia che non abbia bisogno di eroi. Una giustizia libera da “ragioni di opportunità” e completamente ispirata a quelle di legalità, quella vera e nobile dettata dalla nostra Costituzione. Nessun compromesso su questo. Nessuna trattativa.

Ambiente. Un concetto che deve recuperare subito concretezza perché, questa sì e non altre, è la vera emergenza del nostro tempo. Chi parla di “ ambiente sostenibile” spesso lo fa in modo ipocrita perché, insieme a coloro che lo ascoltano, in fondo in fondo pensano che ci sarà tempo, che ci penseranno altri e che adesso bisogna pensare prima al lavoro e all’economia. Un pensiero miope e stolto. Un pensiero assassino perché l’emergenza è sotto gli occhi di tutti e uccide sempre più persone. Di emergenza ambientale si muore. Basta visitare i nostri ospedali od osservare ciò che sta accadendo in tutto il mondo. Non servono tante parole.

Libertà. Un altro valore assoluto che sta rischiando di essere svuotato di contenuto. Non può esistere progresso e speranza in un mondo migliore senza libertà. Libertà è un concetto che deve andare di pari passo con giustizia: devono essere uguali per tutti. La libertà vera è quella dei diritti. Solo e soltanto quella. Guai a cedere al pensiero maligno che essa possa essere sacrificata in nome della Sicurezza. Questa non è la vera sicurezza che lo Stato deve garantire ai suoi cittadini ma quella dei selfie e dei proclami di campagne elettorali sempre più lontane dal rispetto dell’umanità tutta. Quella che risolve tutto ma che in realtà ci sta portando sempre più nel baratro di un autoritarismo cinico e ignorante.

In tutto questo la politica parla solo di alleanze di (presunta) bandiera vuota di contenuti ma piene di protagonismi spesso da reality show. Si insegue lo share con risse in tv nelle quali si parla quasi sempre dei personaggi protagonisti e antagonisti ma non si dimostra di avere veramente a cuore questi temi. Vorremmo fare qualcosa ma non ne siamo capaci. Tutti noi dovremmo fare qualcosa. Assistere impotenti a tutto ciò è semplicemente frustrante. Anzi ci fa paura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gli stupratori non vengono dal nulla. Chi nega che c’entri la famiglia sta mentendo

prev
Articolo Successivo

Benvenuti a Trieste, capitale mondiale della gaffe

next