La Bandiera Blu viene issata in otto località in più rispetto al 2018. Infatti sono 183 i comuni italiani che nel 2019 hanno ottenuto il riconoscimento rispetto ai 175 dello scorso anno: 12 risultano essere nuovi ingressi (tra cui Sanremo Sant’Antioco in Sardegna) mentre 4 sono usciti. Tra le località che perdono il riconoscimento c’è Melendugno, il Comune dove approderà il gasdotto Tap. Lo ha reso noto la Foundation for Environmental Education, l’organizzazione internazionale no-profit con sede in Danimarca che promuove le buone pratiche per l’educazione ambientale.

Tra le regioni, la Liguria è la migliore salendo a 30 località con tre nuove Bandiere Blu. Seconda la Toscana con 19. La Campania rimane invece a 18, seguita da Marche, Sardegna Puglia. Quest’anno inoltre vengono incrementate le Bandiere sui laghi con 17 località di cui 10 solamente nel Trentino Alto Adige. Le 12 new entry fra i comuni sono Villalago sul lago di Scanno (L’Aquila), Pisticci (Matera), San Nicola Arcella e Villapiana (Cosenza), Anzio (Roma), Imperia, Riva Ligure e Sanremo (Imperia), Gabicce (Pesaro-Urbino), Maruggio (Taranto), Sant’Antioco (Carbonia-Iglesias), Pozzallo (Ragusa). I 6 nuovi approdi che hanno ricevuto la Bandiera Blu sono Goimperia (Imperia), Marina di Loano (Savona), Rodi Garganico (Foggia), Santa Margherita di Procida (Napoli), Marina del Nettuno (Messina), Venezia Certosa Marina.

I criteri secondo cui l’organizzazione non governativa ogni anno assegna il riconoscimento sono 32, tra cui la balneabilità delle acque (secondo i dati Arpa), la depurazione, la raccolta differenziata, le aree pedonali, le piste ciclabili, i servizi in spiaggia, l’abbattimento delle barriere architettoniche, la ricettività alberghiera e l’educazione ambientale. Claudio Mazza, presidente della Foundation for Environmental Educationha spiegato: “Quella di Bandiera Blu è una filosofia dei piccoli passi ma cose molto concrete che nel tempo determinano il cambiamento”. Aggiungendo: “I comuni in grado di conservare il proprio patrimonio ambientale e di saperlo promuovere mostrano già di essere quelli maggiormente appetibili per il turismo, turismo che dovrà inevitabilmente riferirsi a parametri di sostenibilità sempre più stringenti per potersi rinnovare e creare benessere“.

Una crescita di visitatori confermata dal presidente dell’Ispra, Stefano Laporta: “È ormai comprovato che le località Bandiera Blu registrano sistematicamente una crescita delle presenze turistiche. Turismo e sostenibilità possono e devono andare di pari passo e coniugarsi affinché tale assegnazione assuma il doppio valore di riconoscimento e di educazione alla tutela dell’ambiente”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Glifosato, l’Agenzia per l’ambiente Usa: “Non è cancerogeno”. Ma l’Oms sostiene il contrario

next
Articolo Successivo

Livorno, l’autorità rifiuti ufficializza spegnimento inceneritore entro il 2021. Nogarin: “Impianto ora su binario morto”

next