Nel Decreto crescita, messo a punto dal governo Conte e appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale (30 aprile n° 34), è contenuto un articolo che dubito garantirà al nostro paese la crescita economica auspicata, mentre so con certezza che esso garantirà la crescita della speculazione finanziaria, l’impoverimento di patrimoni collettivi come la sanità pubblica. Con questo mi riferisco alla sua privatizzazione, l’ingiustizia e il parassitismo sociale, cioè le culture immorali di chi fa profitto e non vuole pagare le tasse a spese dei diritti della gente e dell’intera collettività.

L’articolo in questione ha il titolo “enti associativi assistenziali”, è il n°14. Perentorio come il morso di un serpente letale, laconico come un aggettivo in cui è concentrato il veleno del sopruso: “All’articolo 148, del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, al comma 3, dopo la parola: «religiose,» è inserita la seguente: “assistenziali“.

Con questo semplice aggettivo “assistenziali”, nel silenzio del ministero della Salute, si è riconosciuta una natura “non commerciale” (art. 148 comma 1) ai fondi sanitari. Questo significa che sia i fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale (art. 10, lett. e-ter), sia gli enti e casse di derivazione negoziale (art. 51, lett. a) per cui quelle, che usualmente si chiamano “mutue”, possono erogare prestazionistandardizzate” anche in concorrenza – quindi in sostituzione – con il servizio sanitario nazionale, godendo di un generoso regime di agevolazioni fiscali. Cioè come dire che il governo gialloverde concede all’intermediazione finanziaria e agli speculatori di non pagare le tasse sui profitti che conseguono. Facendo così le scarpe al servizio sanitario, disponibile “gratis”, e finanziando quello privato nella guerra storica per far fuori il pubblico.

Per le “mutue”, che ricordo sono veri soggetti economico-speculatori, questo significa essere parificati ad associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, assistenziali, culturali, sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione extra-scolastica cioè all’universo del non profit ecc. Per tutti costoro, fondi compresi, le somme versate dagli associati o partecipanti a titolo di quote o contributi associativi non concorrono a formare il reddito complessivo. Che è come negare l’analisi economica di Marx cioè il rapporto tra capitale e profitto.

In campo sanitario si tratta di una vera e propria “porcata” che, fino a prima del decreto crescita, era andata a vuoto a più riprese nel corso della ridefinizione della normativa sul terzo settore; perfino all’atto della stesura del provvedimento sul reddito di cittadinanza. Ora però, grazie all’apertura ai fondi da parte del M5S, più volte da me denunciata su questo blog, trova felicemente la sua codificazione in questa legge.

A rendere ancor più tragica e grottesca – ma anche più dolorosa – questa situazione vi è la precisazione che i fondi, al fine della conservazione della propria natura non commerciale, non possono erogare prestazioni maggiori anche se rientranti nelle loro finalità istituzionali ove sia previsto il pagamento di contributi specifici e supplementari. Questo vuol dire che, per preservare la propria natura non commerciale, quella per intenderci che dà diritto alle esenzioni fiscali, i “fondi” non potranno erogare prestazioni ai propri associati oltre gli standard. Ma, attenzione, nel caso in cui l’erogazione oltre gli standard costituisse un’attività meramente secondaria e strumentale rispetto a quella standardizzata, le “mutue” conserverebbero comunque la natura di ente non commerciale e potranno così usufruire delle agevolazioni fiscali.

E’ del tutto evidente che il governo, in particolare il M5S, ha calato le brache di fronte alla potente lobby assicurativa e previdenziale, che prima con Renzi poi con Gentiloni, aveva ottenuto condizioni sempre più favorevoli per aggredire quel mercato nazionale garantito ancora dalla sanità pubblica. Considerare un fondo o un ente assistenziale, alla stregua di un oratorio, mi sembra molto più di un insulto a qualsiasi discorso sulla giustizia in generale e su quella fiscale in questo paese.

Ma l’articolo 14 del decreto crescita, vale come una implacabile ipoteca messa sopra il destino del servizio sanitario pubblico. Che Di Maio parli di difendere la sanità pubblica nel momento in cui anziché rifinanziarla come si deve, preferisce dare i soldi alla speculazione, favorendo con ciò la peggiore assistenza possibile, la sua credibilità politica sparisce come sparisce quella del ministro della salute.

Se oltre all’art 14 di cui abbiamo parlato, aggiungiamo la faccenda del regionalismo differenziato che, nei fatti punta a decostruire il servizio nazionale, a marginalizzare i diritti in favore del reddito, a sottrarre le politiche sanitarie dalla leggi di principio dello Stato, beh c’è poco da stare allegri.

Più dei precedenti questo governo sta rivedendo le basi economiche-finanziarie su cui poggia la tutela pubblica della salute. Mi dispiace dirlo ma, a questo punto, siamo ben oltre quelle che più volte ho definito le “incompetenze” della ministra Giulia Grillo. L’articolo 5 del patto per la Salute e l’articolo 14 ci dicono che c’è una linea del M5S che in tutto e per tutto equivale ad un vero tradimento politico. Siamo di fronte ad un avanzato processo di privatizzazione della sanità pubblica che renderà del tutto vano tutto quello che sta scritto, a proposito di diritto alla salute, nella nostra Costituzione.