Al Testaccio, quartiere storico nel centro di Roma, c’è una mini discarica abusiva. E non è tutto, perché i rifiuti sono proprio sotto gli occhi dell’Ama, la municipalizzata di Roma Capitale. “C’è un via vai continuo dei mezzi nella strada sopra la discarica”, sottolinea un residente che si è trasferito nel quartiere a ottobre e, oltre al Tevere, si è trovato a dover ammirare tutti i giorni una mini discarica sulla sponda opposta del fiume. I camion dell’Ama che transitano tutti i giorni sopra la riva senza battere ciglio. Un operatore Ama ci ha spiegato che sono i residui di un’operazione di smantellamento di un vecchio campo Rom. Rifiuti che però da molti mesi non vengono rimossi. L’ufficio Tevere di Roma Capitale ha assicurato che “l’area in questione è nella programmazione della riqualificazione delle sponde del Tevere in accordo con la Regione Lazio”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Africa, nasce la Grande muraglia verde. Così il clima torna a respirare (e pure noi)

prev
Articolo Successivo

Everest, tende, bombole ed escrementi: raccolte tre tonnellate di rifiuti

next