Il tentativo di sfilare, improvviso, poco dopo le 20.45, con in testa il leader di Casapound Gianluca Iannone. L’inseguimento dei poliziotti in assetto antisommossa, le cariche, i due feriti. Poi la trattativa andata avanti per oltre un’ora, condotta dai deputati di Fratelli d’Italia Carlo Fidanza e Marco Osnato, mentre i circa 1000 neofascisti ‘bloccati’ su viale Romagna hanno preso a intonare i canti d’area. Quindi il via libera per la “passeggiata” di un chilometro sul marciapiede fino a via Paladini e i saluti romani durante il rito del presente per ricordare Sergio Ramelli, il militante del Fronte della Gioventù assassinato 44 anni fa da esponenti di Avanguardia Operaia

video di Paolo Tani

Così ora la procura di Milano ha aperto un’indagine per manifestazione fascista e manifestazione non autorizzata in relazione al corteo per ricordare Ramelli in cui si sono verificati tafferugli quando i neofascisti hanno provato a partire in corteo da piazzale Susa sfidando le autorità. Nell’inchiesta, coordinata da Alberto Nobili, responsabile dell’antiterrorismo milanese, e dal pm Piero Basilone e condotta dalla Digos, si prevedono molti indagati in considerazione del fatto che davanti al murale di Sergio Ramelli quasi tutti i partecipanti hanno chiamato ‘il presente’ e fatto il saluto romano. Gli agenti stanno ricostruendo i fatti visionando telecamere per giungere a quante più identificazioni possibili. Tra le ipotesi di reato dovrebbero esserci anche resistenza a pubblico ufficiale

I manifestanti hanno tentato di partire in corteo nonostante il divieto del prefetto di Milano, Renato Saccone, che aveva autorizzato solo un “presidio statico” impedendo la sfilata commemorativa, ‘caldeggiata’ anche da 60 tra parlamentari e consiglieri comunali e regionali di Lega e Fdi. Alcuni dei quali presenti lunedì sera alla manifestazione, compresa la parlamentare di Fdi Paola Frassinetti, il deputato leghista Jari Colla e il consigliere comunale del Carroccio Max Bastoni, considerato vicino a Lealtà Azione, tra i gruppi neofascisti organizzatori della manifestazione assieme a Forza Nuova.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Blutec, gip Torino conferma il sequestro: “Investite risorse in attività speculative”

prev
Articolo Successivo

Umbria, inchiesta sanità: Riesame di Perugia conferma gli arresti domiciliari per Bocci, Duca e Valorosi

next