La Spagna che si è presentata alle elezioni di oggi è un Paese economicamente in buona salute. Ma sono evidenti le cicatrici delle ferite, gravi, inferte dalla lunga crisi iniziata nel 2008 e finita, a tutti gli effetti, soltanto nel 2017. Bassa produttività, bassi stipendi, povertà diffusa e disoccupazione elevata e volatile, oltre alle diseguaglianze crescenti, restano problemi irrisolti. La ritrovata competitività del paese è stata per ora rilanciata principalmente mantenendo compressi i salari nonostante la ripresa dell’occupazione. A sopportare la fatica del risanamento sono stati, insomma lavoratori e contribuenti che hanno dovuto accettare riforme del mercato del lavoro e sobbarcarsi buona parte dei costi del salvataggio del sistema bancario.

Certo, i risultati si vedono. Nell’ultima parte del 2018 la Spagna è stata il paese che ha più contribuito alla crescita dell’area euro e nell’intero anno il Prodotto interno lordo è aumentato del 2,4%. E mentre quest’anno l’Italia beccheggia intorno allo 0%, le stime spagnole indicano un’ulteriore crescita di oltre il 2%. Frustrante anche il confronto in termini di spread, ossia il differenziale di rendimento rispetto a un titolo di stato decennale tedesco, usato come termine di paragone poiché (quasi) a rischio zero. Quello spagnolo è intorno ai 100 punti, quello italiano intorno ai 250. In pratica per vendere un titolo decennale sul mercato dobbiamo offrire l’1,5% in più di interessi rispetto a Madrid.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Standard & Poor’s conferma rating BBB per l’Italia con outlook negativo: ‘Crescita 2019 a +0,1%, dal reddito 0,2 punti’

next
Articolo Successivo

Crescita, nel primo trimestre 2019 Italia fuori dalla recessione: pil a +0,2%. Eurozona a +0,4%, in Spagna +0,7%

next