Il titolare di un supermercato di via Nuova Poggioreale, nella periferia orientale di Napoli, è morto all’ospedale Loreto Mare di Napoli dopo essere stato colpito alla giugulare con un’arma da taglio nel suo negozio, un Maxi Sidis. Poco dopo è stato fermato il figlio, sospettato di averlo aggredito durante una lite. La vittima si chiamava Vincenzo Cardone e aveva 53 anni. Il presunto aggressore ha 31 anni e quando è stato rintracciato dalla Polizia, che lo ha individuato grazie alle immagini della videosorveglianza, stava cercando un nascondiglio. La sua posizione è ora al vaglio dell’autorità giudiziaria.

Sull’episodio indagano gli agenti della questura che stanno cercando di ricostruire la dinamica attraverso le immagini del sistema di videosorveglianza e le testimonianze delle numerose persone che si trovavano nel negozio al momento del ferimento. Proprio loro hanno fatto scattare l’allarme a 118 e forze dell’ordine. Il commerciante è stato trasportato all’ospedale ma non c’è stato niente da fare.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anziano segregato in casa e picchiato a morte da baby-gang: indagati in 14. “Si scambiavano i video delle violenze”

next
Articolo Successivo

Manduria, le vessazioni condivise in chat: nei video schiaffi, calci, furti e risate. Così i ragazzi bullizzavano l’anziano morto

next