Il titolare di un supermercato di via Nuova Poggioreale, nella periferia orientale di Napoli, è morto all’ospedale Loreto Mare di Napoli dopo essere stato colpito alla giugulare con un’arma da taglio nel suo negozio, un Maxi Sidis. Poco dopo è stato fermato il figlio, sospettato di averlo aggredito durante una lite. La vittima si chiamava Vincenzo Cardone e aveva 53 anni. Il presunto aggressore ha 31 anni e quando è stato rintracciato dalla Polizia, che lo ha individuato grazie alle immagini della videosorveglianza, stava cercando un nascondiglio. La sua posizione è ora al vaglio dell’autorità giudiziaria.

Sull’episodio indagano gli agenti della questura che stanno cercando di ricostruire la dinamica attraverso le immagini del sistema di videosorveglianza e le testimonianze delle numerose persone che si trovavano nel negozio al momento del ferimento. Proprio loro hanno fatto scattare l’allarme a 118 e forze dell’ordine. Il commerciante è stato trasportato all’ospedale ma non c’è stato niente da fare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anziano segregato in casa e picchiato a morte da baby-gang: indagati in 14. “Si scambiavano i video delle violenze”

prev
Articolo Successivo

Manduria, le vessazioni condivise in chat: nei video schiaffi, calci, furti e risate. Così i ragazzi bullizzavano l’anziano morto

next