Un po’ è colpa di quella frase di Marx (Karl, tipo interessante) sulla storia che si ripete come farsa, per cui ogni volta che vediamo segnali di fascismo pensiamo che il fascismo c’è già stato come tragedia, e ora ci becchiamo la farsa. La faccenda è un po’ più complicata, perché ci possono essere farse molto tragiche, e una di quelle fu proprio il fascismo del Puzzone Mascelluto, il più grande serial killer nostrano, uno responsabile della morte di centinaia di migliaia di italiani che fu beccato mentre scappava in Svizzera con i complici, l’oro e l’amante, e poi sappiamo la fine.

Bene, dopotutto il 25 aprile si festeggia proprio la fine di quella schifezza omicida, ed è una festa sacra. Molti aspetti di quel fascismo, però, li ritroviamo oggi, qui e ora, quasi in fotocopia. Per esempio indicare al popolo i nemici del momento, che sono sempre i più deboli. Il rom, per dirne uno (il nazifascismo ne fece strage), il nero immigrato (quelli che aiutammo a casa loro nelle guerre coloniali usando le armi chimiche, per dire), che oggi lasciamo affogare o rispediamo nei lager della Libia. Oppure il deviante, il barbone, l’irregolare, quelli per cui si fanno allegramente leggi discriminatorie, Daspo urbani e (in questi giorni) zone rosse per spedirli fuori dai coglioni, non in centro, non nei quartieri buoni, ma in mezzo ad altri poveri, in periferia. Bella mossa (molto fascista): così si potranno aizzare di nuovo i poveri contro i più poveri. Il fascismo è un fuoco che si autoalimenta, come i fuochi veri. E’ per quello che i pompieri continuano a sparare acqua sulla cenere anche quando il fuoco sembra spento: dopotutto è quello che facciamo il 25 aprile.

In generale si può parlare di fascismo ogniqualvolta si opprime una minoranza. E quindi qui ce n’è in abbondanza. Non solo i pagliacci della nostalgia, quelli con le croci celtiche, i Casapound, i Forza Nuova, che sono gli squadristi di oggi. O quelli col nome in ditta, Caio, Tizio, Sempronio Mussolini e quell’altra de er nonno, er nonno, er nonno mio. Non solo il ministro delle foto con la Nutella che fa il ganassa coi deboli e omaggia e serve i forti. Un ministro dell’Interno a cui ammazzano un narcos in centro a Milano alle otto del mattino e che il giorno dopo twitta trionfante che a Monza hanno sequestrato tre pezzetti di fumo. Insomma, uno che sa come si rinfocola il fuocherello, e infatti ce l’ha col 25 aprile, e lo insulta, bacioni.


Il fascismo – oggi che abbiamo i social network invece dell’Agenzia Stefani, i tweet di Matteo Salvini al posto delle veline – è una tecnica semplice. Si indica la fila. Lo vedi quanto è lunga! Uh! Poi si va da quelli in fondo alla fila e si dice: ehi guardate, ne arrivano altri, mandateli via! Eccoci qua, indicare l’ultimo come nemico al penultimo sempre più incazzato, mentre i primi della fila, lassù nella scala sociale, festeggiano e si fanno i cazzi loro. Questo è, praticamente, in fotografia (menare i contadini per compiacere i grandi agrari), il fascismo di oggi. Molto simile a quello di ieri. Ma ancora una volta, non c’è solo questo.

Ci sono gli spettatori muti che dicono: “Uh, figurati!”, e anche: “Uh, che esagerazione!”. Quelli che non muovono un dito, quelli che fanno finta di non vedere, quelli che dicono, “Ma va’, fascismo, ma cosa vai a pensare!”. Quelli che (larghissima maggioranza) non se ne occupano perché la faccenda non li tocca. Dirò meglio: non li tocca ancora.

Il campo di sterminio di Mauthausen fa impressione, sì, molta. Ma fanno impressione anche le fattorie intorno. Belle fattorie nel verde morbido della campagna austriaca. Gente “perbene” che mentre lì a mezzo chilometro si sterminavano moltitudini di innocenti non vedeva, non sapeva, faceva la gnorri. O complice o finta tonta, magari diceva “Uh, figurati!”, e anche: “Uh, che esagerazione!”, e magari: “Guarda che simpatico il tipo con la Nutella!”. Ecco un’altra cosa che somiglia al fascismo, quello di ieri e quello di oggi. Prima tragedia, poi farsa, ma anche post-farsa, speriamo non pre-tragedia eccetera eccetera.

Che poi, se andate a chiederlo a uno che sta su un canotto in mezzo al mare perché scappa da Mauthausen, e che si vuole rimandare a Mauthausen perché “prima gli italiani”, state certi che all’aspetto farsa lui non ci crede per niente. Perché il fascismo, anche in caricatura, in bozzetto, in parodia o in felpa, per qualcuno è sempre tragedia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

25 aprile, Conte: “E’ il nostro patto fondativo, da lì riscatto e rigenerazione morale. Sbaglia chi non lo festeggia”

prev
Articolo Successivo

25 aprile, Appendino alla fiaccolata: “Ministri assenti? Sgarbo al Paese, è la festa di tutti gli italiani”

next