Il mercato immobiliare residenziale italiano punta a una rivoluzione ecosostenibile: come riportato da un articolo di Immobiliare.it, l’interscambio energetico tra diverse abitazioni potrebbe presto diventare realtà anche in Italia. A breve, infatti, il nostro Paese dovrà recepire la direttiva europea 2018/2001 che regola la materia dello scambio di energia elettrica tra privati: questa potrebbe dare maggior rilievo alla figura del “prosumer”, rendendo concreta la possibilità dello scambio energetico in condominio.

La situazione attuale e gli sviluppi futuri

Si tratta di una notizia di grande portata per il nostro Paese, dove l’autoscambio di energia tra abitazioni non è attualmente consentito: nonostante si stia ragionando ormai da alcuni anni su modelli energetici innovativi basati sull’autoconsumo, l’accumulo e lo scambio di risorse tra privati non è ancora stato autorizzato e regolato dalla legge. L’unica soluzione prevista dalle normative italiane a livello residenziale si basa sul rapporto one-to-one, vale a dire da un impianto a un solo consumatore finale, con l’eventuale energia in eccesso immessa in rete.

La nuova direttiva europea preannuncia una rivoluzione in questo senso, con il passaggio a un modello one-to-many e un impianto comune utilizzabile da gruppi di consumatori. I residenti in un condominio, ad esempio, potranno organizzare tra loro gli scambi e fornire energia a tutto lo stabile attraverso un sistema fotovoltaico posto sul tetto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mutuo prima casa: come ottenere le detrazioni fiscali?

next
Articolo Successivo

Compravendita di immobili ristrutturati: a chi spettano le detrazioni?

next