È un copione già visto quello che emerge dal racconto che Sara Varone, ex soubrette di “Buona Domenica“, fa al settimanale Oggi. In un’intervista esclusiva ha raccontato infatti di aver vissuto una vicenda molto simile a quella di Pamela Prati, il cui fidanzamento con l’imprenditore Mark Caltagirone si è trasformato in un giallo. Non solo. A unire le due vicende ci sono le figure chiave di Pamela Perricciolo e Eliana Michelazzo, le due manager della Prati. Sara Varone ha raccontato infatti di aver avuto anche lei un “fidanzato fantasma“.

“Per alcuni mesi ho avuto una relazione affettiva con una persona che non è mai esistita. Esisteva invece un suo profilo Facebook, ed esisteva l’immagine di un ragazzo bellissimo capace di scrivermi tante parole che riuscivano ad aver presa sul mio cuore”. Dalla Michelazzo, racconta ancora, venne a sapere che si trattava di tale David Lorenzo Coppi, nipote del noto avvocato Franco Coppi: “Ogni volta però che tentavo di incontrarlo, Pamela ed Eliana mi dicevano che creavo grossi conflitti in famiglia. Che David e suo padre, un importante magistrato, litigavano perché lui era insofferente a tutte le norme cautelari che doveva osservare per la sua sicurezza”.

Con lui ha detto di non aver mai avuto nessun contatto: “No, perché dicevano che poteva essere intercettato… Ma a un certo punto mi sono ribellata, gli ho scritto che volevo incontrarlo a tutti costi, altrimenti sarebbe finito tutto. Ed è successo l’inferno. Non riuscivo più a frequentare altri che loro, uscivo solo con loro e mi sono ritrovata dentro una cosa più grande di me senza nemmeno rendermene conto”. Poi le confidenze con un amico, dice ancora la Varone, e la scoperta dell’inesistenza del presunto David Lorenzo Coppi: “Diedi a Pamela una somma di denaro. Poi ho cambiato numero e non ho più voluto avere niente a che fare con loro”, conclude la showgirl.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlize Theron: “Meglio single che costretta a rendermi insignificante”

next