È un copione già visto quello che emerge dal racconto che Sara Varone, ex soubrette di “Buona Domenica“, fa al settimanale Oggi. In un’intervista esclusiva ha raccontato infatti di aver vissuto una vicenda molto simile a quella di Pamela Prati, il cui fidanzamento con l’imprenditore Mark Caltagirone si è trasformato in un giallo. Non solo. A unire le due vicende ci sono le figure chiave di Pamela Perricciolo e Eliana Michelazzo, le due manager della Prati. Sara Varone ha raccontato infatti di aver avuto anche lei un “fidanzato fantasma“.

“Per alcuni mesi ho avuto una relazione affettiva con una persona che non è mai esistita. Esisteva invece un suo profilo Facebook, ed esisteva l’immagine di un ragazzo bellissimo capace di scrivermi tante parole che riuscivano ad aver presa sul mio cuore”. Dalla Michelazzo, racconta ancora, venne a sapere che si trattava di tale David Lorenzo Coppi, nipote del noto avvocato Franco Coppi: “Ogni volta però che tentavo di incontrarlo, Pamela ed Eliana mi dicevano che creavo grossi conflitti in famiglia. Che David e suo padre, un importante magistrato, litigavano perché lui era insofferente a tutte le norme cautelari che doveva osservare per la sua sicurezza”.

Con lui ha detto di non aver mai avuto nessun contatto: “No, perché dicevano che poteva essere intercettato… Ma a un certo punto mi sono ribellata, gli ho scritto che volevo incontrarlo a tutti costi, altrimenti sarebbe finito tutto. Ed è successo l’inferno. Non riuscivo più a frequentare altri che loro, uscivo solo con loro e mi sono ritrovata dentro una cosa più grande di me senza nemmeno rendermene conto”. Poi le confidenze con un amico, dice ancora la Varone, e la scoperta dell’inesistenza del presunto David Lorenzo Coppi: “Diedi a Pamela una somma di denaro. Poi ho cambiato numero e non ho più voluto avere niente a che fare con loro”, conclude la showgirl.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Charlize Theron: “Meglio single che costretta a rendermi insignificante”

prev
Articolo Successivo

Gerry Scotti parla per la prima volta del grave incidente del figlio: “È stata la paura più grande della mia vita”

next