“Non è cambiato nulla, mio figlio è morto lo scorso 25 gennaio. La responsabilità è dei governi precedenti, ma lei vuole sulla coscienza i bambini che moriranno?”. A chiederlo, a Luigi Di Maio, è stata Carla Lucarelli, mamma di Giorgio Di Ponzio, il 15enne morto tre mesi fa a Taranto a causa di un sarcoma causato dall’inquinamento dell’Ilva. La donna ha partecipato all’incontro coi ministri del M5s in prefettura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ilva, Emiliano: “M5s non ha mantenuto promesse. Chiuderla se si ha il coraggio, la gente non può continuare a morire”

next