“Non è cambiato nulla, mio figlio è morto lo scorso 25 gennaio. La responsabilità è dei governi precedenti, ma lei vuole sulla coscienza i bambini che moriranno?”. A chiederlo, a Luigi Di Maio, è stata Carla Lucarelli, mamma di Giorgio Di Ponzio, il 15enne morto tre mesi fa a Taranto a causa di un sarcoma causato dall’inquinamento dell’Ilva. La donna ha partecipato all’incontro coi ministri del M5s in prefettura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilva, Emiliano: “M5s non ha mantenuto promesse. Chiuderla se si ha il coraggio, la gente non può continuare a morire”

prev
Articolo Successivo

Ilva, Di Maio e ministri M5s contestati: “Ci avete tradito, i voti che avete preso qui non li rivedrete più”

next