di Valerio Pocar

Negli ultimi giorni di marzo 2019 si è svolto a Verona il Congresso Mondiale delle Famiglie volto alla difesa della “famiglia naturale”. Come tutti dovrebbero sapere, la famiglia “naturale” non esiste e non è mai esistita, essendo la famiglia una costruzione sociale mutevole nel tempo e nello spazio. Di “naturale”, per quanto concerne la famiglia, c’è solo la procreazione che, nella specie umana come in tante altre, ha natura sessuata e richiede non l’amore e tanto meno il matrimonio, ma l’incontro tra gameti femminili e maschili.

È un mal vezzo costante proprio degli ammiratori dei tempi che furono quello di difendere le cose passate attribuendo loro la caratteristica di “naturale”, sicché diventerebbero immutabili (ma niente è immutabile e neanche la “natura”, come la teoria evoluzionistica ci ha dimostrato) e giusto sarebbe difenderle. Un trucco piuttosto vecchio che da tempo ha mostrato la corda, come accade per la cosiddetta morale naturale e persino per la sedicente morte naturale, per tacere della nascita.

Gli organizzatori del congresso di Verona avrebbero fatto meglio a parlare della difesa della famiglia fondata sul matrimonio indissolubile ordinata alla procreazione, che sarebbe “minacciata” dalla legalizzazione del divorzio e dell’aborto, dai matrimoni e dalle unioni civili tra persone dello stesso sesso, dalle adozioni da parte di single o di coppie omosessuali e via elencando. È da escludere, però, che l’intento fosse davvero quello di tutelare la famiglia “naturale” nel senso sopra detto, sia perché non possono non sapere che la famiglia naturale appunto non esiste sia perché non possono fingere di credere che l’esistenza di modelli familiari diversi da quello che a loro piace sia per tale modello un pericolo reale, visto che nulla impedisce a chi vuole di realizzarlo, che anzi le leggi lo favoriscono, e che le pratiche rifiutate, come il divorzio e l’aborto, sono oggetto di scelte difficili sotto il profilo sia psicologico sia pratico e rigidamente regolate dalla legge. […]

Il tentativo, da parte degli organizzatori, di appropriarsi di posizioni di stampo tradizionale, proprie del magistero cattolico, ha forse indotto un opinionista acuto che per regola merita attenzione, come Alberto Melloni, ad avanzare (la Repubblica, 1° aprile 2019) la tesi che il vero obbiettivo contro il quale si è indirizzata tutta l’operazione veronese sarebbero papa Francesco e le sue aperture verso scelte e modelli innovativi anche nel campo delle relazioni familiari e affettive. Ci riesce difficile condividere questa tesi, visto che al di là di alcune belle parole il papa ha sempre ribadito, anche proprio nei giorni del congresso, le posizioni tradizionali del magistero cattolico: che il sesso e la passione sono un dono di Dio, purché nel matrimonio; che il matrimonio può consistere esclusivamente nell’unione di un uomo e una donna; che bisogna essere misericordiosi verso gli omosessuali, che comunque versano in uno stato di disordine morale; che l’aborto e l’omicidio sono parenti stretti; ecc. ecc. Del resto, il suo prudente segretario di Stato ha dichiarato di dissentire per quanto concerne le modalità del congresso, ma non rispetto ai suoi contenuti, non nascondendo peraltro un certo imbarazzo per l’evidente strumentalizzazione da parte di forze politiche orgogliosamente di destra  che si sforzano di trovare appoggi, ancora una volta, nella Chiesa, ormai recalcitrante. […]

Divorzio e aborto, peraltro meno frequenti in Italia rispetto ad altri Paesi, hanno rappresentato gli epifenomeni di mutamenti profondi già in atto nella società italiana.

Dietro questi mutamenti si cela quello che, a parer nostro, è il vero obbiettivo perseguito dai congressisti di Verona, vale a dire il ristabilimento dei rapporti gerarchici all’interno delle relazioni familiari e persino di quelle affettive che dovrebbero vedere lo status del maschio prevalere su quello della femmina, gerarchia che anch’essa sarebbe “naturale”. Sono stati ormai versati fiumi d’inchiostro sulla crisi dell’identità maschile, al punto che il tema è diventato stucchevole, ma la crisi è vera e, come sempre accade nelle situazioni di crisi, occorre trovare un capro espiatorio, individuato nella donna emancipata e nell’omosessuale, traditori dell’identità loro assegnata dalla “natura”. Un tradimento che merita di essere perseguitato e punito, perché infrange la naturale gerarchia, della quale la famiglia tradizionale e l’omofobia erano i capisaldi. Non per caso i congressisti di Verona, nostrani e stranieri, erano l’espressione di movimenti e di regimi autoritari, amanti di sistemi sociali di tipo gerarchico. Ciò che bisogna anche dire è che tra siffatte posizioni politiche e la motivazione soggettiva degli autori di femminicidi e di pestaggi dei gay la distanza è sottile come un foglio di carta velina.

Clicca sull’icona per scaricare gratis la rivista

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, questo è il ponte più lungo della storia. Ma così si mettono in crisi le famiglie

next
Articolo Successivo

Milano, il chiosco di polli che chiede i pagamenti elettronici. “Vantaggi pratici e meno evasione, ma commissioni alte”

next