Stavano viaggiando a bordo di un bus turistico su un promontorio vicino a Coniço, sull’isola portoghese di Madeira, quando l’autista, affrontando una curva, ha perso il controllo del mezzo che ha rotto il parapetto della strada ed è precipitato in una scarpata, fermandosi solo dopo essere  finito contro una casa. Sono morti così, intorno alle 18.30 locali, 28 turisti, 11 uomini e 17 donne, tutti di nazionalità tedesca e in vacanza nel luogo di villeggiatura iberico. Nella notte il bilancio si è aggravato con la morte di “una donna di nazionalità straniera”, deceduta in seguito alle ferite come ha riferito un medico dell’ospedale di Funchal in una conferenza stampa. A bordo del mezzo viaggiavano 57 persone, soprattutto connazionali, che erano ospiti dell’unità alberghiera di Quinta Splendida e si stavano trasferendo a Funchal. 

I vigili del fuoco, come ha riferito l’agenzia Lusa, hanno soccorso diversi feriti. Tra queste ci sono anche il conducente e la guida turistica, sopravvissuti all’incidente, come riporta il Diario de Noticias. Le vittime avevano invece in media dai 40 ai 50 anni, secondo il presidente della Protezione civile, José Dias. Il vicepresidente del governo regionale, Pedro Calado, ha affermato che è “prematuro” anticipare le cause dell’incidente, ma ha indicato che il mezzo aveva cinque anni e che “apparentemente tutto andava bene”. Intanto le autorità giudiziarie hanno aperto un’indagine.

Il presidente portoghese, Marcelo Rebelo de Sousa ha espresso “dolore” e “solidarietà”. Mentre il portavoce del governo tedesco ha commentato: “Notizie orribili ci arrivano da Madeira. Il nostro cordoglio è per tutti quelli che hanno perso la vita nell’incidente in autobus e i nostri pensieri sono con coloro che sono rimasti feriti”. Cordoglio espresso dal primo ministro portoghese Antonio Costa che ha dichiarato di aver contattato la cancelliera tedesca Angela Merkel per esprimere le sue condoglianze.