“1999-2009-2019: ogni dieci anni la Prati annuncia un matrimonio. Uno salta, uno finto, l’altro avvolto nel mistero”, scrive Dagospia parlando della primadonna del Bagaglino. Da settimane si discute dell’esistenza o meno del futuro marito Mark Caltagirone ma non si tratta della prima volta che il mistero circonda il suo arrivo all’altare. “Mi sono sposata a Las Vegas, all’improvviso per tutti, forse anche per me. E’ stato fantastico”, aveva dichiarato nel 2009 a Diva e Donna. Il marito Daniel Sebastian Jabir, descritto come un imprenditore schivo e riservato, non esisteva come ammesso dalla stessa Prati al Corriere della sera poche settimane fa: “Quella era una fake news. Non mi sono mai sposata, mai, mai. Sono stata dall’avvocato per rimuovere questa cavolata da Internet. Ero stata consigliata male. A un certo punto, mi hanno detto: dì che ti sei sposata a Las Vegas. Sono stata ingenua”. Silvana Giacobini, direttrice ai tempi del settimanale, ha commentato l’episodio: “Lo ricordo chiaramente, io l’ho pubblicato e l’avrei ripubblicato nuovamente a una condizione: riportare con esattezza le parole dell’interessato/a. E’ sempre stato un mio metodo, riportare una verità espressa da chi è interessato alla notizia in modo che se diceva la verità benissimo, se diceva una bugia si seppelliva da solo”, ha dichiarato a Dagospia. Nel 1999 invece la showgirl annunciava sulla copertina del settimanale Gente le nozze con Max Bertolani (“Mi Sposo”), pochi mesi dopo la coppia sulla stessa testata dichiarava: “Prima di sposarci dovremo fare la cresima“. Nozze che mai sono state celebrate.

Pamela Prati, continua il giallo sul presunto fidanzato Mark Caltagirone. Pippo Franco: “Mi hanno fatto registrare gli auguri per le sue nozze”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vladimir Luxuria rivela: “Sono andata con una donna. Ci siamo baciate con la lingua ma quando con la bocca è scesa lì sotto…”

next
Articolo Successivo

Una “scandalosa” Madame Butterfly al Teatro San Carlo: la soprano in scena senza veli sul palco. Poi ci ripensa e fa ritirare le foto “hard”

next