“1999-2009-2019: ogni dieci anni la Prati annuncia un matrimonio. Uno salta, uno finto, l’altro avvolto nel mistero”, scrive Dagospia parlando della primadonna del Bagaglino. Da settimane si discute dell’esistenza o meno del futuro marito Mark Caltagirone ma non si tratta della prima volta che il mistero circonda il suo arrivo all’altare. “Mi sono sposata a Las Vegas, all’improvviso per tutti, forse anche per me. E’ stato fantastico”, aveva dichiarato nel 2009 a Diva e Donna. Il marito Daniel Sebastian Jabir, descritto come un imprenditore schivo e riservato, non esisteva come ammesso dalla stessa Prati al Corriere della sera poche settimane fa: “Quella era una fake news. Non mi sono mai sposata, mai, mai. Sono stata dall’avvocato per rimuovere questa cavolata da Internet. Ero stata consigliata male. A un certo punto, mi hanno detto: dì che ti sei sposata a Las Vegas. Sono stata ingenua”. Silvana Giacobini, direttrice ai tempi del settimanale, ha commentato l’episodio: “Lo ricordo chiaramente, io l’ho pubblicato e l’avrei ripubblicato nuovamente a una condizione: riportare con esattezza le parole dell’interessato/a. E’ sempre stato un mio metodo, riportare una verità espressa da chi è interessato alla notizia in modo che se diceva la verità benissimo, se diceva una bugia si seppelliva da solo”, ha dichiarato a Dagospia. Nel 1999 invece la showgirl annunciava sulla copertina del settimanale Gente le nozze con Max Bertolani (“Mi Sposo”), pochi mesi dopo la coppia sulla stessa testata dichiarava: “Prima di sposarci dovremo fare la cresima“. Nozze che mai sono state celebrate.

Pamela Prati, continua il giallo sul presunto fidanzato Mark Caltagirone. Pippo Franco: “Mi hanno fatto registrare gli auguri per le sue nozze”

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vladimir Luxuria rivela: “Sono andata con una donna. Ci siamo baciate con la lingua ma quando con la bocca è scesa lì sotto…”

prev
Articolo Successivo

Una “scandalosa” Madame Butterfly al Teatro San Carlo: la soprano in scena senza veli sul palco. Poi ci ripensa e fa ritirare le foto “hard”

next