Il Comitato NO194, accompagnato da una trentina di manifestanti, ha organizzato un presidio in piazza Cadorna, a Milano, per protestare contro la legge 194 e promuovere la sua abrogazione.
Fra immagini religiose e scritte pro-vita, i partecipanti hanno addirittura definito la legge peggiore dell’Olocausto, colpevole, secondo loro, di aver provocato la morte di 6 milioni di bambini dal 1978 ad oggi. Fra contraddizioni e condanne ai giornalisti che non raccontano la verità dei manifestanti, i presenti hanno invocato la “guerra santa“, la necessità di conversione di medici antiabortisti e l’importanza salvifica della preghiera, anche in caso di rischio per la salute della donna incinta, momento in cui sarà il Signore a dover scegliere della vita di madre e bambino che porta in grembo.
“Gli scienziati che sono d’accordo con l’aborto lo sono perché sono nati e se ne fregano della vita degli altri” così Pietro Guerini, Presidente del Comitato NO194 – “Tre partiti di destra sono d’accordo con le nostre posizioni, anche il Ministro Fontana è un nostro iscritto e non rinnegherà mai la sua posizione nei nostri confronti. Stimo Salvini, ma non quando afferma di non voler cambiare idea sulla 194.”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caro Salvini, così sta negando l’identità ai bambini arcobaleno. Dove vuole arrivare?

prev
Articolo Successivo

Brescia, l’iniziativa ‘Moschea aperta’: la comunità musulmana da 4mila praticanti si apre alla città. “Prova da veri cittadini”

next