Il Play di Modena è la più importante manifestazione fieristica italiana dedicata al gioco da tavolo: coniuga al meglio il gioco giocato con la riflessione culturale. Quest’anno ci sono andati 44mila visitatori: un record! Una sorta di paradiso, non solo per i “gamer”, ma anche per le famiglie e per i bambini. Centinaia le novità presentate, impossibile tener conto di tutte: orde di giocatori passavano di tavolo in tavolo, di stand in stand, in certi momenti era davvero difficile trovare un posto libero. Il direttore artistico dell’evento, Andrea Ligabue, era raggiante, per la crescita complessiva della manifestazione, in termini sia numerici che culturali. Un plauso anche alle tante Associazioni che hanno contribuito al successo.

E proprio da alcuni eventi culturali vorrei cominciare.

Intanto nell’ìinCONTRO l’azzardo si è ribadito un concetto fondamentale: giocare sano costituisce di per sé una prevenzione per le patologie dell’azzardo: tutti gli operatori ne sono convinti e un gruppo interdisciplinare di scienziati ha messo in campo un’indagine statistico-epidemiologica per dimostrarlo. Uisp, Balena Ludens, Federludo, PlayRes e tanti altri gruppi sono pronti a scendere in campo con iniziative concrete: mai prima d’ora c’è stata una simile attenzione.

Altra cosa molto importante: è partito il rilancio di GioNa, l’Associazione nazionale delle Città in Gioco. Presidente è stato eletto Filippo Gasperi, sindaco di Gradara. Non solo Gradara è uno dei più bei borghi d’Italia, ma nel mondo dei giochi ha anche un altissimo valore simbolico. A Gradara infatti tante cose hanno avuto inizio. Il Festival Italiano dei Giochi per esempio (che si svolgeva nell’ambito del contenitore culturale Gradara Ludens) dal 1991 al 1993 vi ha raccolto per la prima volta tutti gli operatori e gli appassionati di tutte le forme di gioco. Chi c’è stato non lo può dimenticare. A Gradara è nato il Premio Archimede per giochi inediti e a Gradara è nata – appunto – GioNa.

Bando alla nostalgia… la GioNa di oggi, col suo nuovo statuto, apre non solo ai Comuni e agli altri enti pubblici, ma anche ad aziende e associazioni (hanno per esempio subito aderito importanti associazioni nazionali come Uisp e Ali per Giocare); in altre parole GioNa intende connettere tutti i soggetti che credono nel valore culturale e sociale del Gioco, insomma, fare “network”. Presto l’inizio dell’operatività.

Il gioco educa alla convivenza, alla differenza, alla curiosità. Il gioco fa capire il significato del rischio, fa imparare a vincere e a perdere, ma anche a cooperare. Il gioco pretende delle regole e il loro rispetto. Consente anche la trasgressione consapevole. Il gioco è, per tutti questi motivi, , concretamente, portatore di pace. Le Città in Gioco sostengono progetti sociali e culturali in cui il gioco sia motore di relazioni positive e costruttive, in tutto il mondo. (dal Manifesto delle Città in Gioco)

Ma non potremmo parlare di Modena-Play, senza citare qualche gioco…

Modena Play 2019, cultura e divertimento. Ecco il regno dei giochi da tavolo

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quando l’apertura di tre sarcofagi diventa un evento da seguire in tv

prev
Articolo Successivo

Salone del Mobile e Fuorisalone, più quantità che qualità. Ma Milano ha bisogno di altri eventi così

next