Il protagonista è un buco nero che dimora nel cuore della galassia ellittica M87 (Messier 87), a circa 54 milioni di anni luce dal Sistema solare, in direzione della costellazione della Vergine. È un autentico gigante, con una massa superiore a 6 miliardi di volte quella del Sole. I dettagli di questa storica scoperta sono stati pubblicati in sei articoli sulla rivista The Astrophysical Journal Letters. L’Italia ha contribuito con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). La foto ritrae un disco nero, all’estremità del quale restano intrappolati i fotoni di luce.

Danzano caoticamente e pericolosamente ai bordi del buco nero, disegnando una serie di anelli luminosi, prima di precipitare al suo interno. È il loro addio, l’ultima immagine che ci regalano prima di sparire per sempre tra le fauci del mostro. Prima di superare il cosiddetto orizzonte degli eventi, poetica espressione con cui gli scienziati indicano il confine tra un buco nero e il resto dell’universo. Quel limite invisibile, fino a oggi, tra la luce e il buio. Tra lo spazio e l’ignoto. Un confine anche per le nostre conoscenze, oltre il quale le leggi della fisica non riescono a spingersi fino in fondo. Come ci ha insegnato Einstein con la sua Teoria della Relatività Generale.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La tubercolosi, questa sconosciuta

next
Articolo Successivo

Rivoluzione nell’universo, la prima foto del buco nero viene svelata in diretta. E scattano gli applausi

next