Si è svolta questa domenica al teatro Ciak di Milano la finale dei PG Nationals Vigorsol Beats dedicata a League of Legends. Fra i presenti, ad assistere agli scontri fra i Campus Party Sparks e i Samsung Morning Stars, anche due appassionati d’eccezione: Ivan Grieco, in arte “Rampage in The Box”, Caster professionista di Esports e Nicolò “Insa” Mirra, giocatore professionista di Fifa per il team QLASH.

I due, volti noti del settore videoludico nazionale, si sono mostrati molto interessati alla finale, non solo dal punto di vista dello spettacolo, ma anche da quello organizzativo, speranzosi in un futuro roseo anche per i settori che li riguardano più da vicino, quelli riguardanti FIFA e COD. Un evento che ha cercato di far salire di livello il panorama degli Esports nazionale, organizzato in una location che ospita la registrazione di XFactor, giusto per citare uno degli show realizzati nel teatro milanese.

Immancabile, fra i tanti appassionati accorsi a vedere la finale, un gruppo di cosplayer, tutti a tema League of Legends, che ci hanno parlato dell’impegno dietro la realizzazione dei loro costumi.

Non solo giovanissimi, però, fra i tanti presenti. In mezzo a loro, anche un gruppo di appassionati realizzatori di scenografie, rigorosamente dedicate al gioco protagonista della giornata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Meccanica quantistica per comunicazioni super sicure in Europa, a breve il progetto pilota

prev
Articolo Successivo

Yoshi’s Crafted World: le avventure del dinosauro verde di Nintendo passano per un mondo di cartoncino in un titolo pensato per tutti i videogiocatori

next