Antonio Di Maio, padre del vicepremier Luigi, ha provveduto a proprie spese all’abbattimento dei tre manufatti abusivi realizzati su un terreno in comproprietà con la sorella a Mariglianella, nel Napoletano. Il Comune guidato dal sindaco Felice Di Maiolo (Forza Italia) ha emesso lo scorso gennaio l’ordinanza di abbattimento e i proprietari avevano 90 giorni di tempo per ottemperare al provvedimento. L’alternativa era presentare ricorso al Tar, ma nei giorni scorsi Di Maio senior ha provveduto di persona all’abbattimento e lo ha comunicato alcuni giorni fa, come fa sapere il primo cittadino.

Dopo il sopralluogo della Polizia municipale di Mariglianella dello scorso novembre, l’ufficio tecnico del Comune aveva rigettato parte delle controdeduzioni presentate dal padre del ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico. La motivazione? Solo uno degli iniziali quattro manufatti ritenuti abusivi è stato realizzato prima del 1967 quando non erano ancora richiesti titoli per costruire perché non era ancora in vigore la legge sull’edilizia: gli altri tre quindi erano da considerare abusivi. Nelle controdeduzioni Antonio Di Maio aveva ammesso l’abuso edilizio di quella che un tempo era una stalla poi resa abitabile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Week end: viaggio total-white nella Lapponia finlandese

prev
Articolo Successivo

Migranti, le ong: “Guardia costiera libica non risponde al telefono”. La prova del Fatto.it: risposta solo dopo 5ª chiamata. Un’eternità in caso di emergenza in mare

next