“Condannati” a studiare la storia della Resistenza e a visitare un centro di accoglienza straordinaria di migranti richiedenti asilo. È la punizione per quattro alunni di un liceo di Cuneo che, secondo quanto riportava La Stampa, durante l’intervallo hanno fatto il saluto romano davanti a un manifesto di “Lager SS” della a mostra fotografica sui deportati politici nei campi di sterminio che la scuola ospita. La scena viene ripresa con il cellulare, il filmato segue la solita trafila delle immagini tra adolescenti finché non arriva alla preside.

Sei giorni di sospensione e un percorso di recupero a tappe iniziato giovedì scorso: la visita all’Istituto storico della Resistenza di Cuneo, poi la comunità Emmaus di Boves. Domani un incontro in un centro di accoglienza. Poi visita al Sacrario della Madonna degli Alpini sulla collina di Cervasca e con altre attività a scuola sulle tematiche dell’inclusione, della tolleranza e dell’impegno civile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torre Maura, la lettera del padre di Simone: “Un errore la guerra tra poveri. Priorità? Lotta per la casa e il lavoro”

prev
Articolo Successivo

Moby Prince, storia di poteri forti: il patto anomalo tra compagnie che narcotizzò le inchieste. In un libro i documenti inediti

next