Nel giorno delle dichiarazione di Contrada, il procuratore nazionale antimafia, Cafiero De Raho, era a Roma per prendere parte alla presentazione del libro di Ruggero Cappuccio Paolo Borsellino. Essendo Stato. De Raho ha ricordato come per Rocco Chinnici, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, protagonisti del pool antimafia che investigò e porto allo storico maxi processo, la mafia scelse lo stesso stile stragista per eliminarli. “Quelle stragi sono anche l’espressione di qualcosa che non ha funzionato e per Borsellino quell’agenda rossa che è sparita rappresenta una dei momenti più oscuri e bui della nostra democrazia”. Sui depistaggi seguiti alla morte del magistrato e dei cinque uomini e donne della sua scorta, De Raho sottolinea che bisogna continuare ad approfondire: “Se ci siano state entità esterne che sono intervenute, questo lo si scoprirà perché nulla resterà coperto dall’oscurità, tutto deve essere trasparente e deve essere spiegato, non ci devono essere coperture di nessun tipo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attilio Manca, Napolitano spieghi perché si interessò alla morte dell’urologo di Provenzano

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, la ‘faida’ nel clan Mancuso: incastrati quattro esponenti di vertice della cosca. Un arresto a Milano

next