Chi è interessato agli auricolari true wireless senza fili ha l’imbarazzo della scelta. I più famosi sono gli AirPods, a breve scenderà in campo un altro marchio importante, Beats (sempre di proprietà Apple), e non mancano le versioni di aziende specializzate nell’audio come Bose, Sennheiser, Bang&Olufsen, eccetera. All’elenco manca un nome altisonante del settore hi-tech: Amazon. Almeno per il momento. Secondo la testata statunitense Bloomberg, che in genere ha fonti attendibili, l’attesa non sarà lunga.

Anzi, Amazon sarebbe pronta al debutto e il suo prodotto avrebbe le carte in regola per proporsi come rivale delle AirPods di Apple. Oltre alla qualità e all’estetica, a quanto pare la battaglia si giocherà sull’assistente vocale: Siri per i prodotti Apple già esistenti, Alexa per quello che in bolle nella pentola di Amazon.

Apple AirPods

 

Alexa si sta ricavando sempre più spazio nel settore, da tempo è un prodotto strategico per Amazon e il suo sviluppo beneficia di notevoli attenzioni e investimenti. Gli auricolari sarebbero un altro tassello che si aggiunge alla già lunga lista di accessori Amazon comandabili “senza mani”. Si pensi, ad esempio, alla possibilità di ordinare i prodotti dal catalogo dell’e-commerce direttamente con la voce, senza dimenticare ovviamente tutte le funzioni tipiche degli auricolari true wireless (cambiare traccia musicale con le gesture, rispondere alle chiamate con i tocchi eccetera). Su questo fronte quindi Amazon potrebbe non avere molto da lavorare.

Infatti Bloomberg sostiene che il colosso dell’eCommerce stia puntando soprattutto sulla qualità audio, per battere gli AirPods proprio sotto questo aspetto. Stando alle fonti poi la dotazione accessoria sarebbe allineata, con anche una custodia per la ricarica, ma dotata di porta USB-C. Si parla poi di colorazioni nero e grigio, e di prezzi particolarmente aggressivi, in stile Amazon.

PowerBeats Pro

 

Per il momento tutte queste informazioni sono indiscrezioni da prendere con il beneficio del dubbio. Di certo se e quando arriveranno gli auricolari Amazon, bisognerà provarli per capire se la sfida sarà davvero agguerrita come sembra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Microsoft cancella gli ebook. Amici digitali, niente panico!

prev
Articolo Successivo

Il riconoscimento facciale di Amazon? Per gli esperti è il Ku-Klux-Klan 2.0

next