Nel cronoprogramma della ricostruzione, Onna doveva essere la prima frazione a essere ricostruita. Dieci anni dopo, tutto è come prima. O meglio, i soldi per i lavori sono stati stanziati, e sono pronti a essere erogati, ma i cantieri avviati sono solo 6 su 21, dei quali solo tre quelli completati. Una sola famiglia è tornata nella sua casa originaria. “Ma sarebbe scorretto scaricare ogni responsabilità alle istituzioni, spesso le colpe di questi ritardi sono da attribuire agli stessi cittadini” puntualizza Giustino Parisse, giornalista e residente a Onna, che ci accompagna tra le macerie di quella che fu la sua casa, dove quella notte perse i due figli e il padre. “La mia vita è finita quel giorno, ora è come se guardassi tutto da un buco sotto le macerie”.

A parte la chiesa di San Pietro Apostolo (ricostruita dai tedeschi, anche in memoria del tragico legame che li lega al paese per via della strage compiuta dai nazisti proprio in questa frazione, quando nel 1944 distrussero dieci abitazioni e fucilarono 17 persone) il paese è ancora raso al suolo. “Ma poi immaginatevi che questo era un paese di 340 persone, aveva già avuto uno spopolamento notevole, quella notte ci furono 40 morti, 50 feriti, l’80% delle abitazioni distrutto – racconta Giustino Parisse – purtroppo, ma spero di essere smentito, qui il terremoto è stata la botta finale, per questo mi impegno per mantenere viva la memoria delle tradizioni e delle persone che abitavano il borgo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torre Maura, calci a pulmino con rom e saluti romani: “Scimmie, bruciamoli vivi”

prev
Articolo Successivo

Roma, chiusa la stazione Anagnina della metro A: binari danneggiati da incidente di un mezzo di manutentori

next