Chicago elegge il suo primo sindaco donna afroamericana e apertamente gay. Si tratta di Lori Lightfoot, 56enne ex procuratrice federale. La donna ha vinto contro Toni Preckwinkle, anche lei democratica e afroamericana, grazie alla sua campagna elettorale incentrata sulla lotta alla corruzione e sugli aiuti per  le famiglie a basso reddito e per la classe media, a suo avviso ignorate finora da chi ha governato la città. Lightfoot ha ottenuto il 74% delle preferenze con solo una quarantina di distretti elettorali ancora da scrutinare. “È il cambiamento contro lo status quo“, ha affermato facendo un paragone con la 72enne Toni Preckwinkle, dirigente della contea di Cook dove si trova Chicago.

Le due candidate erano arrivate in testa nel primo turno di voto alle municipali, nel febbraio scorso, rispettivamente con il 17,5% e il 16% delle preferenze. Avevano sconfitto gli altri 12 candidati alla successione del democratico Rahm Emanuel, che ha rinunciato a sorpresa a un terzo mandato dopo otto anni di governo.

Chicago è stata guidata una volta da un sindaco afroamericano e una volta da una sindaca. Terza metropoli del Paese, con 2,7 milioni di abitanti, è segnata da profonde diseguaglianze sociali e disparità tra i quartieri nonché da forte criminalità e tensione fra polizia e minoranze. Nel 2018 gli omicidi sono stati più di 550, cioé più di quelli avvenuti in totale a New York City e Los Angeles.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Algeria, si dimette lo storico presidente Abdelaziz Bouteflika: è la fine di un’era

prev
Articolo Successivo

Germania, “orologio da 6mila euro in regalo e pagamenti nascosti”: si dimette il presidente della Federcalcio

next