“Abrogare le modifiche alle regole sul pensionamento anticipato introdotte nel 2019”, con i meccanismi di “quota 100” puntando invece a “mantenere il nesso tra l’età pensionabile e la speranza di vita“. Questo è quanto si legge nel rapporto annuale dell’Ocse. “La cessazione del regime del pensionamento anticipato (quota 100 ndr) consentirebbe di liberare ampie risorse“, ha spiegato nel suo intervento il segretario generale Ocse, Angel Gurria, in occasione della presentazione del rapporto Ocse sull’Italia al Ministero dell’Economia. “Sappiamo che questa è una misura temporanea – ha continuato – ma come ex ministro delle Finanze so che non c’è niente di più permanente di una misura temporanea“. E ancora: “Questi soldi potrebbero essere usati per il sostegno all’occupazione e promuovendo equità tra le generazioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, la crescita economica non ha guarito il mercato. Arriverà un’altra crisi, ma quando?

prev
Articolo Successivo

Il sistema vuole distruggere la società. Ma il popolo (e la tecnologia) gli fanno comodo

next