Giulia Bongiorno non chiede scusa. La ministra per la Pubblica Amministrazione era finita al centro delle polemiche per un tweet (poi cancellato) sul Codice Rosso “tre giorni servono a stabilire se si ha a che fare con un’isterica o con una donna in pericolo di vita”. “Non ho nulla di cui scusarmi, questa volta. E glielo dico col cuore”, dice l’esponente della Lega al Corriere della Sera.  Che lamenta di essere “rimasta intrappolata nella rapidità a cui in quest’epoca i social, ma lo stesso vale per la tv, ci costringono”.  “Io – aggiunge Bongiorno – mi occupo di questioni per cui serve spiegare tutto e bene, purtroppo le cose che dovevo dire le ho sintetizzate in tv e sui social con un segno in schedina”.

Ma perché ha usato quel termine – la parola “isterica” – su twitter?  “Isterica – precisa – fa parte del mio vocabolario solo come citazione altrui”. “Quell’isterica – continua – non è mio. Moltissimi detrattori della norma Codice Rosso che ho incontrato sulla mia strada, nell’insistere sulla tesi secondo cui molte delle donne che denunciano una violenza in realtà non l’hanno subita, citano sempre quella parola. ‘E se è un’isterica?‘, ‘Perdiamo tempo a causa di un’isterica?’, cose così. Per me, tutte le donne che denunciano una violenza vanno sentite entro tre giorni, poi si vede se chi denuncia dice la verità o calunnia”.

La ministra conferma poi la sua proposta della castrazione chimica. “Io non voglio castrare nessuno. Sono per la castrazione chimica come lo è la commissione anti tortura del Consiglio d’Europa. E cioè a tre condizioni: che il reo lo accetti, che ci sia il consenso informato, che il trattamento non sia irreversibile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banche, Tria: “Sistema bancario italiano è uno dei più sani d’Europa, forse del mondo”

prev
Articolo Successivo

Aeroporto Firenze, candidati sindaco del centrodestra si spaccano. Bocci: “Si faccia”. Spada: “Non se ne parla”

next