Il Senato ha approvato in via definitiva la legge sulla legittima difesa. Al termine della votazione, Matteo Salvini ha festeggiato con applausi e selfie con i senatori e i ministri leghisti, andando poi a farsi fotografare con i suoi parlamentari tra i banchi dello stesso Carroccio. Un atteggiamento, tra foto e brusii in Aula, che ha innervosito i senatori della sinistra, Pd e LeU. “Ormai siamo allo stadio, non erano proibite le foto in Aula?”, ha protestato Monica Cirinnà, senatrice dem che era intervenuta per gli interventi di fine seduta sul tema del contestato Congresso di Verona sulla famiglia. Tutto mentre Salvini replicava sarcastico mandando baci verso i banchi dem. Assenti in Aula, invece, i ministri e i i sottosegretari del Movimento 5 Stelle, così come il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Le loro assenze? Voi giornalisti badate alla forma, io alla sostanza. La legittima difesa ora è legge”, ha tagliato corto lo stesso Salvini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Raggi: “Metro Repubblica? Dichiarazioni vergognose del manutentore delle scale mobili. Sospendiamo contratto”

next