Decine di associazioni che chiedono alla provincia di Verona e alla Regione Veneto di togliere il patrocinio, dopo che Palazzo Chigi lo ha già fatto nei giorni scorsi. Altre che saranno a Verona alla contromanifestazione laica di sabato e che già domani faranno un flash mob “contro il nuovo Medioevo“. Tutte iniziative per rispondere al Congresso mondiale delle Famiglie, dedicato alla “famiglia tradizionale” e cattolica, che verrà celebrato nel Palazzo della Gran Guardia dal 29 al 31 marzo. Un appuntamento contro il quale si sono schierati anche i docenti del dipartimento di Scienze umane della città scaligera, che si sono fatti promotori di un documento che critica la pretesa scientificità delle teorie sulla famiglia, l’omosessualità, l’aborto, sostenute dai relatori del congresso.

Congresso delle famiglie: cortei, flash-mob e appelli contro il convegno di Verona. “No a un nuovo Medioevo”

AVANTI

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In carcere ai detenuti viene tolto tutto. Non solo lo spazio

next
Articolo Successivo

Ius soli, torniamo a parlarne. La nostra legge sulla cittadinanza è tra le più arretrate d’Europa

next