“Le preoccupazioni contenute nel report di Confindustria sono anche le nostre. Non c’è bisogno di nessuno scontro o di apostrofare Confindustria come i gufi“. Così il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, in una conferenza stampa a New York, dopo l’incontro con i vertici di Wall Street, rispondendo indirettamente alle dichiarazioni dell’alleato Matteo Salvini sullo studio degli industriali. “L’epoca dei gufi era quella di Renzi, ora noi dobbiamo lavorare tutti insieme ad obiettivi comuni”, aggiunge.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ius soli, Bonino: “Ramy? Contenta per lui, ma cittadinanza non deve essere dono o la concessione del principe”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, “presto via l’immunità penale”. Ma l’ad di ArcelorMittal avvisa: “Siamo in Italia sulla base di norme concordate”

next