“Serve un impegno culturale, perché un certo tipo di regressione è entrata anche nelle aule dei Tribunali”. A dirlo, alla Camera, Laura Boldrini (LeU), che durante la discussione generale sul cosiddetto “codice rosso”, che introduce modifiche al Codice di procedura penale in materia di tutela vittime violenza domestica e di genere, ha citato alcune sentenze che hanno riguardato casi di femminicidio e di stupro e che hanno fatto discutere nelle ultime settimane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, Travaglio: “Trattato italo-francese dice che salta se un contraente non stanzia soldi. Francia non ha messo un euro”

prev
Articolo Successivo

Cittadinanza a Ramy, Salvini: “Mi sono convinto da solo. Non dico sì a capocchia. Gli studenti usati per battaglia politica”

next