Gli appassionati di giochi alla ricerca di un monitor capace di tenere testa alle sfide più impegnative possono dare un’occhiata al ROG Strix XG49VQ, un modello Asus con diagonale utile di 49 pollici. Come si può vedere dalle immagini è un prodotto molto particolare. Innanzi tutto è curvo, in più occupa molto spazio sulla scrivania perché ha un fattore di forma di 32:9, quindi fortemente allungato in orizzontale. L’obiettivo è quello di “avvolgere” il giocatore, offrendogli un’area visiva pari a quella di due monitor da 27 pollici affiancati, senza l’inconveniente dell’interruzione visiva delle cornici.

Il prezzo è alto, 1.179 euro, ma le caratteristiche sono da top di gamma, e pensate apposta per chi deve visualizzare immagini in movimento di alta qualità. La risoluzione di 3.840 × 1.080 pixel non è la più alta disponibile, esistono prodotti per la grafica professionale con valori maggiori. Se volete una risoluzione più alta per giocare potete optare per il ROG Swift PG27UQ che però costa una fortuna.

Un dato positivo riguarda il refresh rate massimo di 144 Hz. Questo parametro corrisponde al numero di volte al secondo in cui il monitor si aggiorna con nuove immagini. Se, per esempio, un monitor ha una frequenza di aggiornamento di 60 Hz, significa che l’immagine viene aggiornata 60 volte al secondo, più che sufficiente per rendere invisibile all’occhio umano il passaggio da un’immagine alla successiva, con applicazioni di produttività generale. Nei videogiochi c’è un’esigenza specifica: spesso ci sono sequenze video molto veloci e sono necessari refresh rate alti per non percepisce rallentamenti nella fluidità delle immagini. Ecco perché per i monitor gaming è preferibile il supporto dei 144 Hz.

Questo monitor inoltre supporta Radeon FreeSync 2 HDR e di conseguenza la tecnologia High Dynamic Range (HDR). Evitando tecnicismi, visualizza una gamma molto ricca di colori, bianchi molto luminosi e neri profondi. A questo si aggiungono una copertura al 90% della gamma colori professionale DCI-P3, la certificazione DisplayHDR 400 e una luminosità di 450 cd/m2 che è un valore molto alto.

Non mancano poi le funzionalità extra, come per esempio la tecnologia Asus Shadow Boost che permette di schiarire le aree più scure di una scena di gioco senza sovraesporre quelle più luminose, migliorando la visualizzazione generale e consentendo di individuare più facilmente anche i nemici nascosti nelle aree scure della mappa. I giocatori apprezzeranno la presenza dell’Asus GamePlus, che consente di visualizzare elementi in sovrimpressione come per esempio timer, mirino, contatore di FPS (Frame per secondo) e guide di allineamento, in modo da migliorare le prestazioni di gioco.

C’è una buona notizia anche per chi è attento agli occhi: il filtro Asus Ultra-Low Blue Light, certificato TÜV Rheinland, aiuta a prevenire l’affaticamento visivo e i disturbi provocati dalle emissioni di luce blu. Si possono selezionare quattro differenti modalità di filtro. Se questo monitor ha attirato la vostra attenzione, potete consultare la scheda tecnica completa a questo indirizzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei annuncia gli occhiali Smart Eyewear, eleganti e alla moda ma anche hi-tech

next
Articolo Successivo

Energia pulita in tutti gli edifici grazie ai pannelli solari fotovoltaici efficienti e belli da vedere

next