Una coalizione per le Europee si è già rotta. Italia in Comune, il movimento guidato dal sindaco di Parma Federico Pizzarotti, non correrà più – come aveva annunciato finora – con i Verdi, ma si alleerà con PiùEuropa. Niente più “Onda verde e civica”, com’era stata chiamata. Il cambio in corsa che verrà ufficializzato domani in una conferenza stampa. La lista si collocherà sullo stesso fronte di quella Pd-Siamo Europei. In tutti i sondaggi Italia in Comune e Verdi erano dati intorno all’1 per cento. PiùEuropa, invece, ha più chance di superare la soglia di sbarramento che per le Europee è al 4 per cento.

“La nostra intenzione – spiega all’Adnkronos Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri e coordinatore di Italia in Comune – era quella di costruire un’alleanza larga con i Verdi e PiùEuropa. Tenere tutto assieme non è stato possibile. Nel fine settimana abbiamo riunito il nostro coordinamento e la grande maggioranza ha deciso di accettare l’offerta di PiùEuropa”. I Verdi, da parte loro, rivendicano il fatto di essere “coerenti”. “Non siamo noi ad aver cambiato strada e continuiamo nel nostro percorso”. Quello di una lista ecologista e europeista che, se sarà superata la soglia del 4 per cento, approderà nel gruppo dei Verdi europei.

E Italia in Comune? “PiùEuropa aderisce all’Alde – argomenta Pascucci, che viene dai partiti della sinistra – noi se supereremo la soglia, obiettivo più che raggiungibile, ragioneremo dopo il voto con gli eletti su come posizionarci in Europa”. Quanto alle candidature, non è escluso che lo stesso Pascucci e Pizzarotti si candidino.

Alla conferenza stampa parteciperanno Emma Bonino, il segretario di PiùEuropa Benedetto Della Vedova e gli stessi Pascucci e Pizzarotti oltre a diversi parlamentari. Tra questi Serse Soverini, che, eletto col centrosinistra, è nel gruppo misto proprio per Italia in Comune.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livorno, l’ospedale da rifare è (di nuovo) tema elettorale. Rossi: “Firmerò solo col nuovo sindaco”. Nogarin: “Noi ostaggio”

next
Articolo Successivo

Bus dirottato, De Luca: “Salvini? Sono sconcertato da sue dichiarazioni su Ramy. Atteggiamento privo di umanità”

next