Una coalizione per le Europee si è già rotta. Italia in Comune, il movimento guidato dal sindaco di Parma Federico Pizzarotti, non correrà più – come aveva annunciato finora – con i Verdi, ma si alleerà con PiùEuropa. Niente più “Onda verde e civica”, com’era stata chiamata. Il cambio in corsa che verrà ufficializzato domani in una conferenza stampa. La lista si collocherà sullo stesso fronte di quella Pd-Siamo Europei. In tutti i sondaggi Italia in Comune e Verdi erano dati intorno all’1 per cento. PiùEuropa, invece, ha più chance di superare la soglia di sbarramento che per le Europee è al 4 per cento.

“La nostra intenzione – spiega all’Adnkronos Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri e coordinatore di Italia in Comune – era quella di costruire un’alleanza larga con i Verdi e PiùEuropa. Tenere tutto assieme non è stato possibile. Nel fine settimana abbiamo riunito il nostro coordinamento e la grande maggioranza ha deciso di accettare l’offerta di PiùEuropa”. I Verdi, da parte loro, rivendicano il fatto di essere “coerenti”. “Non siamo noi ad aver cambiato strada e continuiamo nel nostro percorso”. Quello di una lista ecologista e europeista che, se sarà superata la soglia del 4 per cento, approderà nel gruppo dei Verdi europei.

E Italia in Comune? “PiùEuropa aderisce all’Alde – argomenta Pascucci, che viene dai partiti della sinistra – noi se supereremo la soglia, obiettivo più che raggiungibile, ragioneremo dopo il voto con gli eletti su come posizionarci in Europa”. Quanto alle candidature, non è escluso che lo stesso Pascucci e Pizzarotti si candidino.

Alla conferenza stampa parteciperanno Emma Bonino, il segretario di PiùEuropa Benedetto Della Vedova e gli stessi Pascucci e Pizzarotti oltre a diversi parlamentari. Tra questi Serse Soverini, che, eletto col centrosinistra, è nel gruppo misto proprio per Italia in Comune.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Livorno, l’ospedale da rifare è (di nuovo) tema elettorale. Rossi: “Firmerò solo col nuovo sindaco”. Nogarin: “Noi ostaggio”

prev
Articolo Successivo

Bus dirottato, De Luca: “Salvini? Sono sconcertato da sue dichiarazioni su Ramy. Atteggiamento privo di umanità”

next