Segnali di recessione prossima ventura iniziano ad arrivare anche dall’economia statunitense. Per la prima volta dal 2007, poco prima della crisi finanziari a e della Grande recessione, la curva dei rendimenti dei titoli di Stato Usa si è invertita e ha girato in negativo: quelli con scadenza a tre mesi sono arrivati a rendere il 2,45%, più di quelli a 10 anni che pagano il 2,43 per cento. E’ il sintomo che gli investitori temono un ribasso dei mercati. Si tratta di uno dei segnali più potenti di rallentamento economico: ogni recessione negli ultimi 60 anni è stata prevista da un’inversione della curva dei rendimenti, che anticipa di circa 18-24 mesi la frenata del pil.

La domanda di titoli di Stato usa è sostenuta da giorni, da quando la Fed ha rivisto al ribasso le prospettive di crescita americane e le sue attese sull’andamento dei tassi di interesse, congelando i rialzi per l’intero 2019. Toni da colomba che hanno spinto gli investitori a ipotizzare un possibile taglio dei tassi entro il 2020: al momento una riduzione già quest’anno è data al 50%.

Nel frattempo l’indice Pmi dell’area euro è calato ai minimi da sei anni innescando la corsa ai Bund a 10 anni, i cui rendimenti sono scesi in territorio negativo per la prima volta dal 2016. Gli investitori vedono nel debito tedesco un bene rifugio fra i crescenti segnali di raffreddamento dell’economia dell’Eurozona.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Via della Seta, Xi Jinping firma il memorandum e 29 accordi commerciali e istituzionali: dai porti all’export di arance

next
Articolo Successivo

Giustizia sociale, le proposte del Forum disuguaglianze: “Salario minimo a 10 euro e 15mila euro di eredità universale”

next