Segnali di recessione prossima ventura iniziano ad arrivare anche dall’economia statunitense. Per la prima volta dal 2007, poco prima della crisi finanziari a e della Grande recessione, la curva dei rendimenti dei titoli di Stato Usa si è invertita e ha girato in negativo: quelli con scadenza a tre mesi sono arrivati a rendere il 2,45%, più di quelli a 10 anni che pagano il 2,43 per cento. E’ il sintomo che gli investitori temono un ribasso dei mercati. Si tratta di uno dei segnali più potenti di rallentamento economico: ogni recessione negli ultimi 60 anni è stata prevista da un’inversione della curva dei rendimenti, che anticipa di circa 18-24 mesi la frenata del pil.

La domanda di titoli di Stato usa è sostenuta da giorni, da quando la Fed ha rivisto al ribasso le prospettive di crescita americane e le sue attese sull’andamento dei tassi di interesse, congelando i rialzi per l’intero 2019. Toni da colomba che hanno spinto gli investitori a ipotizzare un possibile taglio dei tassi entro il 2020: al momento una riduzione già quest’anno è data al 50%.

Nel frattempo l’indice Pmi dell’area euro è calato ai minimi da sei anni innescando la corsa ai Bund a 10 anni, i cui rendimenti sono scesi in territorio negativo per la prima volta dal 2016. Gli investitori vedono nel debito tedesco un bene rifugio fra i crescenti segnali di raffreddamento dell’economia dell’Eurozona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Via della Seta, Xi Jinping firma il memorandum e 29 accordi commerciali e istituzionali: dai porti all’export di arance

prev
Articolo Successivo

Giustizia sociale, le proposte del Forum disuguaglianze: “Salario minimo a 10 euro e 15mila euro di eredità universale”

next