Tre condannati in primo grado e due imputati, uno dei quali ha rinunciato alla prescrizione in un processo per corruzione. Per la commissione Antimafia sono cinque gli “impresentabili” candidati alle elezioni Regionali in Basilicata. Tre di loro compaiono nelle liste che sostengono il candidato di centrosinistra Carlo Trerotola e corrono invece a supporto del candidato del centrodestra Vito Bardi, il generale dei carabinieri scelto da Silvio Berlusconi e Matteo Salvini per strappare al Pd la regione governata fino alla scorsa estate da Marcello Pittella, poi finito agli arresti domiciliari e sospeso dalla carica di governatore per effetto della legge Severino.

I cinque “impresentabili” – Nella lista della commissione presieduta dal pentastellato Nicola Morra sono finiti Sergio Claudio Cantiani (Lista Comunità democratiche-Pd), Massimo Maria Molinari (Presidente Trerotola-Centro Democratico), Paolo Galante (Psi), Vincenzo Clemente (lista Bardi presidente di Basilicata positiva) e Rocco Sarli (Fratelli d’Italia). Cantiani, Clemente e Molinari sono imputati in processi in corso davanti al Tribunale di Potenza, mentre Galante e Sarli sono stati condannati in primo grado per reati previsti dalla legge Severino e aspettano il giudizio di appello. Tutti hanno contestato la scelta della commissione, chi ripercorrendo le proprie vicissitudini giudiziarie e chi postando il casellario giudiziario.

I due condannati per peculato – Galante, già consigliere e vice-presidente del Consiglio regionale, è stato condannato in primo grado il 6 giugno 20163 anni e sei mesi di reclusione, perché ritenuto colpevole del reato di peculato in relazione alla vicenda del Consorzio per lo sviluppo di Potenza di cui era vice-presidente del consiglio di amministrazione. Per questo motivo, era già stato sospeso per 18 mesi dalla presidenza del Consiglio dei ministri a causa dell’applicazione della Severino. Stessa identica pena e per medesima vicenda aveva colpito anche Sarli, che del cda del Consorzio per lo sviluppo era consigliere di amministrazione. L’inchiesta – per la quale sono state condannate in tutto dieci persone – riguardava l’affidamento di incarichi tecnici, le procedure per l’aggiudicazione di alcuni lotti e l’uso improprio di risorse pubbliche tra il 2007 e il 2008. Il processo d’appello è in corso e la prossima udienza è fissata per il 16 maggio. Galante, avendo già ‘scontato’ i 18 mesi di sospensione, rischia un nuovo stop di 12 mesi solo in caso di conferma della condanna. Per Sarli scatterebbe immediatamente salvo un ribaltamento del giudizio in appello.

Il sindaco a processo per concussione – Cantiani, invece, risulta imputato per concussione per una vicenda che risale a più di 5 anni fa. Secondo l’accusa, il sindaco di Marsicotevere, quando era in corsa per la poltrona da primo cittadino e assessore, ha “costretto” la ditta aggiudicataria dell’appalto alla raccolta dei rifiuti ad assumere il fratello della sua segretaria e, una volta eletto, avrebbe “minacciato” di revocare l’appalto in caso di licenziamento dell’operaio, “malgrado le reiterate inadempienze” di quest’ultimo.

Gli accusati di corruzione – Più gravi le accuse nei confronti di Clemente e Molinari, entrambi imputati per corruzione. Il primo è a processo per una vicenda che risale al 2014 ed è legata alla rateizzazione dei canoni di locazione di una casa di riposo gestita da una società a Corleto Perticara. Anche Molinari, in corsa con il centrosinistra, è accusato di corruzione per fatti che risalgono a quando era vicesindaco di Potenza: l’attuale candidato – secondo i pm – ha facilitato l’iter autorizzativo relativo alla gestione di alcuni parcheggi ed esercitato pressioni per l’acquisto di spazi pubblicitari su un settimanale locale, il cui editore è un suo parente. “Una questione – dice lui – che si trascina da 9 anni. Siamo alle prime udienze e ho già rinunciato alla prescrizione. Sono candidabilissimo ed eleggibile”.

Lo scontro tra Morra e Giarrusso – Gli impresentabili, giovedì, hanno provocato lo scontro in commissione Antimafia tra il presidente Nicola Morra e il senatore pentastellato Michele Giarrusso. I due hanno avuto un’accesa discussione sulla necessità o meno di rendere noti i nomi dei cinque impresentabili inseriti nelle liste. Il primo a lanciare “una provocazione” è stato Giarrusso: “Non rendiamo noti i nomi dei cosiddetti impresentabili – ha detto – dal momento che l’aver reso noti questi nomi, nelle passate elezioni, non ha sortito alcun effetto”. Giarrusso, inoltre, ha proposto “un meccanismo più forte per bloccare le incandidabilità”. Per Morra la provocazione era accettabile “ma fino ad un certo punto”. E ha aggiunto che la commissione Antimafia i nomi li avrebbe fatti, come poi accaduto, perché, proprio nel giorno in cui “si commemorano le vittime innocenti di mafia, il silenzio è mafia”. Morra ha anche accusato le forze politiche di aver firmato un codice di autoregolamentazione delle candidature “per poi fregarsene”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maria Elena Boschi ricorda le studentesse Erasmus morte in Spagna e si commuove: “Giustizia per loro e i familiari”

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, Lega e 5 Stelle in calo. Cresce il Pd: la distanza col Movimento da 1 a tre punti

next