Prima giornata di visita ufficiale in Italia per il presidente cinese Xi Jinping, che ha incontrato al Quirinale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e poi, a Palazzo Madama e Montecitorio, i presidenti del Senato e della Camera Elisabetta Casellati e Roberto Fico. Intanto dal continente arrivano verso Roma voci critiche. “Il sostegno italiano alla nuova Via della Seta mette a rischio la solidarietà europea”, titola il Financial Times secondo cui la visita “solleva questioni circa la capacità europea di formare una posizione unitaria nei confronti della Cina”.

Xi e Mattarella hanno avuto un bilaterale di 20 minuti, che si è poi allargato alle rispettive delegazioni. “La cooperazione tra Italia e Cina sarà confermata e rafforzata durante la visita così gradita del presidente Xi con intese commerciali“, ha detto il capo dello Stato. “La visita del presidente Xi Jinping è “l’occasione per registrare il livello eccellente dei rapporti tra Cina e Italia e per imprimervi sviluppo ulteriore”, ha aggiunto. Ad esempio con la firma del Memorandum Italia-Cina, che “è un segno dell’attenzione per una cornice ideale per un incremento delle collaborazioni congiunte tra imprese italiane e imprese cinesi”.

“Il contributo italiano alla nuova Via della Seta ha un significato cruciale“, ha detto Mattarella, incontrando i rappresentanti del Business Forum, del Forum Culturale e del Forum sulla cooperazione nei Paesi Terzi insieme al presidente cinese. “Il vostro impegno testimonia la condivisa volontà cinese e italiana di sviluppare una collaborazione sempre più estesa e articolata”. Il memorandum Italia-Cina rappresenta “un interesse concreto verso le iniziative di connettività eurasiatica, nell’ambito della strategia delineata dall’Unione Europea secondo le linee di sviluppo tracciate dall’Agenda 2020“. Il capo dello Stato ha affrontato anche il tema dei diritti umani: “Alla luce del mandato italiano nel Consiglio per i diritti umani dell’Onu, desidero auspicare che, in occasione della sessione del dialogo Ue-Cina sui diritti umani che si svolgerà a Bruxelles dopo quella che si è svolta a Pechino lo scorso luglio, si possa proseguire in un confronto costruttivo sui temi così rilevanti”. “Cina e Italia, con l’Unione Europea, sono anche chiamate a lavorare insieme per rafforzare un modello di sviluppo globale, ordinato e aperto, del commercio internazionale, basato su una sempre maggiore adesione ai valori del multilateralismo e di uno scambio libero, equo e onesto“, ha detto Mattarella al presidente cinese nel corso della cena di Stato al Quirinale.

“Ringrazio il presidente per l’accurata e squisita accoglienza: nonostante la distanza geografica, i due popoli nutrono da sempre una profonda amicizia“, ha detto da parte sua il presidente cinese, che ha definito quello avuto al Colle un “incontro fruttuoso, con un ampio consenso”. “La parte cinese vuole uno scambio commerciale a due sensi e un flusso degli investimenti a due sensi“, ha aggiunto il presidente della Repubblica Popolare Cinese. “Cina e Italia sono partner strategici con mutuo rispetto e fiducia – ha spiegato ancora – Fra di noi non c’è nessun conflitto di interesse e sappiamo entrambi come rispettare le preoccupazioni della controparte”.

Dal canto suo il premier Giuseppe Conte in un video diffuso da palazzo Chigi afferma che “confidiamo di poter migliorare anche il nostro export e di poter, attraverso questa più intensa cooperazione” tra i due Paesi, “di poter godere di migliori condizioni di accesso per le nostre imprese e anche un miglioramento e anche un superamento di eventuali barriere tariffarie e non tariffarie. Come sistema Paese possiamo raggiungere questo obiettivo perchè so del grande interesse del popolo cinese verso il made in Italy, i nostri prodotti”.

Secondo il Financial Times “l’impegno di Xi per lanciare un vasto programma di investimenti in Italia sarà visto da alcuni come una sfida diretta a una risposta europea unitaria”. Nelle pagine delle opinioni il Ft dà spazio anche a un contributo del sottosegretario Michele Geraci, secondo il quale “il memorandum d’intesa con la Cina è un successo. Spero che possa essere un modello per altri Paesi europei e per migliorare gli standard negoziati tra Ue e Cina”. “Non possiamo svendere un pezzo di sovranità italiana e europea ai cinesi”, ha detto il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, ospite a Unomattina. “La posizione del Parlamento europeo – ha aggiunto – vuole che ci siano regole uguali in Europa e Cina. Non possono venire in Europa a fare ciò che vogliono se il loro mercato non è libero“.

Il rafforzamento della collaborazione tra Italia e Cina si estende anche al mondo del calcio. Secondo il Financial Times online un annuncio in questo senso dovrebbe arrivare in concomitanza con la visita di Xi. Nei colloqui sono impegnati, secondo quanto riporta il quotidiano della City, esponenti della serie A e della Federazione gioco calcio. E tra le ipotesi c’è quella di giocare un incontro in Cina. Non solo partite e sviluppo del calcio, ma anche diritti tv: l’accordo tra Pechino e calcio italiano – di casa in Cina, con Fabio Cannavaro successore di Marcello Lippi sulla panchina di ct – avrà come occasione di sviluppo un incontro, in programma domenica – tra il viceministro della comunicazione, Shen Haixiong e la Federcalcio. Al centro dell’incontro, si apprende in Figc, la comunicazione dei contenuti audiovisivi legati al calcio, e altre forme di collaborazione. Haixiong è a capo di broadcaster con un’audience di oltre 1,5 miliardi di spettatori.

Sono stati già firmati accordi di cooperazione in vari settori, anche se la maggior parte sarà ufficializzata domani a Villa Madama, quando verrà siglato il memorandum Italia-Cina sulla Via della seta. Rai e CMG-China Media Group hanno firmato un accordo triennale volto a promuovere la reciproca collaborazione. L’agenzia Ansa ha invece avviato una collaborazione con Xinhua, il maggiore gruppo multimediale cinese. Via libera anche a un patto d’alleanza tra Cits (China International Travel Service), il tour operator di Stato Cinese, che vanta un fatturato di ben 60 miliardi di Yuan, e numerose regioni italiane. Un accordo firmato dal vicepremier Luigi Di Maio con il ministro Centinaio ha invece sbloccato l’export di arance nella Repubblica popolare. Alibaba, con il supporto del ministero delle Politiche agricole e del Distretto Agrumi di Sicilia, sarà la prima piattaforma globale a portare i frutti in Cina.

Sugli accordi tra aziende c’è riservatezza. Indiscrezioni non confermate parlano di intese sul credito con Cdp, Unicredit e Intesa Sanpaolo, nel settore navale con Fincantieri e con il Rina di Genova, nell’energia con Terna, Ansaldo, Snam, Italgas, Enel e Eni, nei trasporti con Ferrovie e nella siderurgia con Danieli. Snam ha confermato che “firmerà un’intesa a supporto di iniziative congiunte che riguardano sia l’Italia e la Cina che paesi terzi”. Eni che firmerà con Bank of China un accordo “per rafforzare la collaborazione su vari strumenti finanziari”.