Imane Fadil è la modella di 34 anni testimone chiave del processo “Ruby Ter”, morta l’1 marzo scorso all’ospedale Humanitas di Rozzano (Milano): solo l’autopsia saprà accertare le cause della morte, ma al momento si parla anche di un possibile avvelenamento. Nel 2011 la ragazza aveva partecipato a otto “cene eleganti” e, quando il caso “bunga-bunga” è scoppiato, ha raccontato tutto quello che sapeva in Procura. Prima del ricovero, avvenuto il 29 gennaio, è stata respinta la richiesta della Fadil di costituirsi parte civile nel processo “Ruby ter”. Poi la malattia e la morte nell’arco di un mese. Tuttavia i fatti in questione nulla potrebbero avere a che fare con il decesso della ragazza. L’intervista registrata da Luca Sommi risale al 12 aprile 2018.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: è vero che dopo l’intervento di Conte sul Tav non cambia niente?

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi, mercoledì 27 marzo torna su Nove in prima serata il talk condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi

next