Con la firma dell’accordo quadro sulla via della Seta “non mettiamo a repentaglio nessun asset strategico“. A rivendicarlo il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Palazzo Chigi in merito all’accordo quadro sulla via della Seta, dopo un vertice di maggioranza. “Si sta facendo molta confusione. Una cosa è la tutela degli asset strategici, una cosa è la sottoscrizione di un accordo programmatico non vincolante“, ha sottolineato Conte. E ancora: “Garanzie agli alleati storici? “L’Italia, dei tredici Paesi che hanno già sottoscritto questo memorandum e aderito al progetto infrastrutturale della via della Seta, è l’unico paese che ha preteso e imposto, rispetto alla versione originaria del memorandum elaborato dalla parte cinese, principi e regole europee. Allo stesso tempo ci cauteliamo e adotteremo misure per esempio rafforzeremo la golden power per rafforzare gli interessi nazionali”. In merito alla partita delicata del 5G, altro terreno di scontro tra Lega e M5s, Conte ha poi concluso: “Stiamo valutando tutte le contromisure, sono questioni molto sensibili per gli interessi nazionali. Imporremo tutte le misure proattive a qualsiasi operatore, non soltanto a quelli cinesi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, Chiamparino attacca: “Niente risposte su referendum. Governo ha paura di quello che pensa la gente”

prev
Articolo Successivo

Forza Italia “il ritorno”: il partito di Silvio Berlusconi annuncia così l’assemblea del prossimo 30 marzo

next