“Una giornata incredibile, che condensa paure e sensazioni represse, come se fossimo gocce d’acqua  riversati nelle città del mondo. Da qui può cominciare qualcosa di nuovo, ma dobbiamo vedere se i partiti politici sono in grado di rispondere a questa necessità”. Dopo la manifestazione degli studenti, migliaia di persone hanno sfilato per le vie di Milano in occasione del Global Strike For Future, per difendere il pianeta e lottare contro i cambiamenti climatici. Soprattutto giovani, uniti dalla protesta iniziata da Greta Thunberg, “Mi sento più rappresentata da Greta che dai partiti, non ho molta fiducia nella politica in questo momento. C’è poco tempo abbiamo dieci, undici anni per cambiare le cose, altrimenti sarà troppo tardi”. Prima della fine del corteo, alcuni dei manifestanti si fermano davanti all’ufficio del Parlamento europeo di Milano, al Palazzo delle Stelline, per mostrare uno striscione: “UE: dalle parole ai fatti! Zero emissioni ora.”