“Spesso si pensa che il cambiamento climatico sia qualcosa di invisibile e a lungo termine, ma noi che viviamo in montagna stiamo vedendo già adesso gli effetti disastrosi che sta provocando sul nostro territorio”. Giorgio Elter è un agricoltore che da oltre trent’anni vive in Valle D’Aosta. È uno dei dieci cittadini europei che si sono rivolti alla Corte di Giustizia Europea per denunciare l’inadeguatezza delle politiche europee in materia ambientale: “La riduzione delle emissioni nazionali di gas serra di un minimo del 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030 è inadeguato a far fronte alla concreta necessità di prevenire il rischio climatico e insufficiente a proteggere i loro diritti fondamentali di vita, salute, occupazione e proprietà”. Qui a quasi duemila d’altezza Elter insieme alla sua famiglia coltiva ortaggi, piccoli frutti e erbe aromatiche, ma negli ultimi anni ha avuto sempre più difficoltà, che negli ultimi anni si sono tradotte nella perdita parziale del raccolto: “Le alterazioni stagionali come l’eccesso di temperature o la siccità non sono più l’eccezione, ma stanno diventando la norma e diventa sempre più difficile portare avanti certe coltivazioni come i lamponi o le fragole”. Così ha deciso insieme ad altri nove cittadini europei di fare causa all’Europa: “Si parla da anni di cambiamento climatico, ma si è fatto ben poco. Serve intervento a livello europeo serio. Il tempo dei proclami è finito adesso servono i fatti”. Nelle prossime settimane, la Corte di Giustizia dovrà decidere sull’ammissibilità del ricorso, ma nel frattempo a livello globale la battaglia contro il cambiamento climatico si è estesa sempre di più coinvolgendo anche le nuove generazioni: “Ho fatto questa scelta perché ho quattro figli e sono preoccupato per il loro futuro, ci dobbiamo chiedere che mondo vogliamo lasciare a loro”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Clima, a Milano il corteo della società civile: “Iniziato qualcosa di nuovo. Politici risponderanno a questa necessità?”

prev
Articolo Successivo

Clima, ho partecipato alla manifestazione di Milano. E ne sono rimasto impressionato

next