Cresce la distanza tra il valore delle abitazioni nelle due maggiori città italiane: come riportato dall’approfondimento di Immobiliare.it, a Roma il mattone stenta a ripartire mentre a Milano i valori sono in costante crescita. Se nel Capoluogo lombardo i numeri sono in costante aumento, nella Capitale i prezzi sono fermi, o addirittura in calo, in molte zone.

Quali le aree più care?

Per notare la differenza tra le due metropoli è sufficiente esaminare i quartieri più prestigiosi di entrambe: per acquistare un appartamento in pieno centro a Milano bisogna mettere in conto una spesa di 9.184 euro al metro quadro; a Roma è invece possibile aggiudicarsi un immobile vista Colosseo spendendo “solo” 7.865 euro/mq. Stesso discorso per le zone che si piazzano sugli altri due gradini del podio: nella città meneghina si tratta di Garibaldi-Moscova-Porta Nuova (circa 9.000 euro/mq) e Quadronno-Palestro-Guastalla (poco meno di 8.000 euro/mq); nella Capitale sono Aventino-San Saba-Caracalla e Testaccio-Trastevere, entrambi con valori al metro quadro superiori ai 6.000 euro.

E quelle più economiche?

Rispetto al 2017 il prezzo del mattone nei quartieri meno costosi è aumentato in entrambe le città, ma nonostante questo trend positivo emergono alcune distinzioni. Nelle tre aree più economiche del Capoluogo meneghino viene sempre superata la soglia dei 2 mila euro al mq: a Baggio-Bisceglie-Olmi i prezzi medi si attestano sui 2.286 euro/mq (+5% su base annua), ad Affori-Bovisa a 2.503 euro/mq (+9%) e a Cimiano-Adriano-Crescenzago a 2.573 euro (+15%). Per quanto riguarda Roma, le aree meno costose sono Lunghezza-Castelverde (1.680 euro/mq e +9% rispetto al 2017), Borghesiana-Finocchio (1.787 euro/mq, +5%) e Ponte di Nona-Torre Angela (1.976 euro/mq, + 7%).

Dove il mattone è cresciuto di più

All’interno di questo quadro emergono le buone performance di alcuni quartieri, nei quali il costo del mattone è aumentato in modo esponenziale grazie a una serie di fattori che hanno fatto salire la domanda. A Milano si parla di Città Studi (4.595 euro/mq, +20% in dodici mesi), Istria-Maggiolina (3.641 euro, +15%) e della già citata Cimiano-Adriano-Crescenzago. A Roma le oscillazioni sono state più contenute: in aumento del 13% il valore degli immobili nell’area di Colli Albani-Appio Latino (4.045 euro/mq), dell’11% ad Aventino-San Saba-Caracalla (6.371 euro/mq), Testaccio-Trastevere (6.031 euro/mq) e Trigoria-Castel Romano (2.083 euro/mq) e del 10% a Monteverde-Gianicolense-Colli Portuensi (4.197 euro/mq).

L’analisi di Carlo Giordano, AD di Immobiliare.it

«Mentre a Roma la ripresa immobiliare si muove ancora a macchia di leopardo, a Milano tutte le zone sono già coinvolte nel trend positivo» ha affermato Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Immobiliare.it, che analizzando l’andamento del mercato immobiliare nelle due città ha aggiunto: «grazie alla sua naturale conformazione territoriale, alle infrastrutture e ai servizi offerti ai cittadini il Capoluogo meneghino compete ormai a tutti gli effetti, anche in campo immobiliare, con le grandi capitali europee come Madrid, Parigi o Berlino».

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mutui casa: giù le richieste, in aumento l’importo medio

next
Articolo Successivo

Smart home: nel 2018 mercato in crescita del 52%

next