Cinque alunni e un impiegato di una scuola statale di Suzano, nella regione metropolitana di San Paolo del Brasile, sono rimasti uccisi dopo che due adolescenti incappucciati hanno fatto irruzione nell’istituto sparando all’impazzata. In tutto i morti sono 10: tra le vittime ci sono anche i due assalitori che si sono suicidati dopo la strage e altre due persone. L’attacco è avvenuto intorno alle 9,30 locali, le 13,30 italiane.  La scuola è la Professor Raul Brasil che ospita circa 350 ragazzi delle medie e quasi 700 delle superiori. All’interno della scuola la polizia ha trovato un revolver calibro 38, un’arma medievale conosciuta come ‘bestia’ e simile a una balestra, oltre a bottiglie che sembrano cocktail Molotov: lo rendono noto i media locali, secondo cui dentro la struttura sono all’opera anche gli artificieri, dopo il ritrovamento di una valigetta sospetta.

Secondo il portale di notizie Uol, ci sono almeno 17 feriti, trasportati in vari ospedali della regione di San Paolo. Un elicottero della polizia sta sorvolando la zona, dove sono giunte anche numerose squadre dei vigili del fuoco e del pronto soccorso. Il governatore di San Paolo, Joao Doria, ha visitato la scuola. “È stata la scena più triste a cui ho assistito in tutta la mia vita”, ha detto Doria. “Sono costernato, sotto shock”, ha aggiunto Doria, che ha proclamato tre giorni di lutto nello Stato in segno di “solidarietà con i parenti e gli amici delle vittime”. Secondo i media, poco prima dell’attacco alla scuola un’altra sparatoria sarebbe avvenuta in un concessionario di auto a pochi metri di distanza, dove sarebbe rimasto ferito un uomo che – riferiscono i media – potrebbe essere lo zio dei due killer. Le forze dell’ordine stanno cercando di verificare se esiste una relazione tra i due episodi e se i due giovani assalitori erano ex studenti dell’istituto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

California, governatore sospende la pena di morte e blocca 737 esecuzioni: “Ingiusto e discriminatorio”

prev
Articolo Successivo

Boeing 737 Max 8, stop anche negli Usa. Trump: “Sicurezza del popolo americano è la nostra prima preoccupazione”

next