Lavorare in movimento con il notebook è ormai una consuetudine. Ad alcuni professionisti però lo schermo del portatile spesso non basta. Per esempio, i grafici, gli architetti, chi fa montaggio video, hanno bisogno di uno spazio di visualizzazione ben più ampio dei 13, 14 o 15 pollici del notebook per svolgere il proprio lavoro.

Una possibile soluzione è mettere in borsa, oltre all’alimentatore del notebook, il nuovo monitor portatile Lenovo ThinkVision M14. È un prodotto sottile (4,6 mm) e leggero (pesa 595 grammi) che si può collegare ai portatili e ai dispositivi convertibili, per espandere l’area di visualizzazione.

Offre una diagonale utile di 14 pollici, una risoluzione di 1.920 x 1.080 pixel, è costruito con tecnologia IPS. La luminosità di 300 candele è più che sufficiente per leggere i contenuti visualizzati anche in presenza di forte luce ambientale. I dati che saranno apprezzati maggiormente dai professionisti sono il tempo di risposta di 6 millisecondi e la copertura del 100% dello spazio colore sRGB. Per i professionisti della grafica sono informazioni importanti, perché denotano una qualità di livello business del prodotto.

Per collegare questo accessorio al computer si usa una delle due porte USB Type-in dotazione. Ovviamente, per poter usare una soluzione del genere è necessario avere un piano d’appoggio sufficientemente ampio. Il sostegno posteriore del ThinkVision M14 permette poi di regolare a piacimento l’inclinazione, fra 0 e 90 gradi. Se vi può interessare, sappiate che sarà in vendita dal mese di maggio ad un prezzo accettabile di 249 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I cinque migliori smartphone del Mobile World Congress 2019

prev
Articolo Successivo

Milano, consigliera Sumaya minacciata: archiviate indagini su diffamazione e insulti

next