Lavorare in movimento con il notebook è ormai una consuetudine. Ad alcuni professionisti però lo schermo del portatile spesso non basta. Per esempio, i grafici, gli architetti, chi fa montaggio video, hanno bisogno di uno spazio di visualizzazione ben più ampio dei 13, 14 o 15 pollici del notebook per svolgere il proprio lavoro.

Una possibile soluzione è mettere in borsa, oltre all’alimentatore del notebook, il nuovo monitor portatile Lenovo ThinkVision M14. È un prodotto sottile (4,6 mm) e leggero (pesa 595 grammi) che si può collegare ai portatili e ai dispositivi convertibili, per espandere l’area di visualizzazione.

Offre una diagonale utile di 14 pollici, una risoluzione di 1.920 x 1.080 pixel, è costruito con tecnologia IPS. La luminosità di 300 candele è più che sufficiente per leggere i contenuti visualizzati anche in presenza di forte luce ambientale. I dati che saranno apprezzati maggiormente dai professionisti sono il tempo di risposta di 6 millisecondi e la copertura del 100% dello spazio colore sRGB. Per i professionisti della grafica sono informazioni importanti, perché denotano una qualità di livello business del prodotto.

Per collegare questo accessorio al computer si usa una delle due porte USB Type-in dotazione. Ovviamente, per poter usare una soluzione del genere è necessario avere un piano d’appoggio sufficientemente ampio. Il sostegno posteriore del ThinkVision M14 permette poi di regolare a piacimento l’inclinazione, fra 0 e 90 gradi. Se vi può interessare, sappiate che sarà in vendita dal mese di maggio ad un prezzo accettabile di 249 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I cinque migliori smartphone del Mobile World Congress 2019

next
Articolo Successivo

Milano, consigliera Sumaya minacciata: archiviate indagini su diffamazione e insulti

next