“Per il Pd ormai è diventato un tabù tassare i ricchi? Io credo nella progressività delle imposte, come previsto dalla Costituzione. Soltanto a quello”. Così replica Nicola Zingaretti, dopo che tutti i candidati alle prossime primarie dem si sono ritrovati concordi nella chiusura unanime su un eventuale provvedimento che tassi i ricchi. E se negli Stati Uniti c’è chi, come la giovane democratica Alexandria Ocasio-Cortez, rilancia la sfida contro i conservatori e Trump puntando proprio sul tema delle tasse ai ricchi, nel Pd nessuno ne vuole sapere: “Rassicuriamo i soliti noti negando l’ipotesi patrimoniale? No, rassicuriamo chi sta male, noi siamo l’alternativa”, è convinto Zingaretti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Primarie Pd, si vota domenica 3 marzo in tutta Italia: chi può partecipare e dove

next
Articolo Successivo

Agenzia spaziale italiana, nelle mani del ministro Bussetti la cinquina da cui uscirà il nuovo presidente: ecco i nomi

next